VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Suoni a tappe. L'eco lunga del Festival Callido
Suoni a tappe. L'eco lunga del Festival Callido
di Redazioneweb2   

callido.jpgTutto comincia nella Chiesa di San Trovaso, a pochi passi dalle Zattere, dove è custodito uno splendido organo Callido del XVIII secolo. Gaetano Callido, uno dei più talentuosi organari italiani, nacque a Este il 14 gennaio 1727 e morì a Venezia l’8 dicembre 1813. In 44 anni di attività costruì nell’allora Repubblica Serenissima (nord-est italiano, Istria e Dalmazia), in Emilia-Romagna, Impero Austro-Ungarico (Trentino), nelle Marche, a Malta e a Istanbul ben 430 strumenti.

 

A lui è dedicato l'omonimo festival organistico internazionale, arrivato alla quarta edizione sotto la direzione artistica di Nicolò Sari. La rassegna di musica sacra vive il proprio colpo di coda dopo l'incalzante programmazione estiva che ha visto un concerto a settimana nelle chiese dei Carmini a luglio e San Trovaso a giugno.

 

Il 4 settembre la Basilica di San Giorgio Maggiore ospita l'organo e la tromba di Stefano Pellini e Francesco Gibellini, mentre il 12 e il 14 ci si sposta rispettivamente alla Chiesa di Sant'Elena a Venezia e di San Biagio a Santa Maria di Sala per i concerti dell'Ensemble Girolamo Frescobaldi e di Leonardo Carrieri.

«4. Festival Organistico Internazionale Gaetano Callido»
5, 12, 14 settembre 2014 vari luoghi a Venezia e in provincia
Info www.callidoavenezia.com