VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Venice Art For All 2014 | Liberi di girovagar(t)e
Venice Art For All 2014 | Liberi di girovagar(t)e
di Redazioneweb2   

veniceartforall.jpg

 

Il sestiere di Dorsoduro che ospita importanti istituzioni d’arte come la Collezione Peggy Guggenheim, la Fondazione Vedova, Punta della Dogana, le Gallerie dell’Accademia e l’Accademia di Belle Arti, è attraversato dal percorso di VeniceMarathon. In occasione della gara vengono collocate sui ponti interessati rampe provvisorie che restano a disposizione di tutti per oltre tre mesi, migliorando l’accessibilità urbana. Nell’area orientale di Dorsoduro le rampe poste sui ponti dei Catecumeni, della Calcina e degli Incurabili, anche quest’anno restano in loco fino al 15 giugno garantendo la piena accessibilità alle suddette istituzioni culturali, migliorando la praticabilità per tutti e permettendo a due ragazzi con difficoltà motorie che abitano nella zona di frequentare in piena autonomia la scuola. Inoltre grazie alla collaborazione dell’Istituto Europeo del Design di Firenze e Venezia, queste sono oggetto dell’iniziativa Un vestito per le rampe, un progetto urbano di arredamento creativo che si pone l’obiettivo di trovare delle soluzioni per migliorarne l’estetica.

 

Dopo aver preso da Piazzale Roma o dalla Ferrovia il vaporetto della Linea 1 (accessibile alle carrozzine), scendete alla fermata Accademia. Di fronte troviamo il complesso della Carità, che ospita le Gallerie dell’Accademia, uno dei più importanti musei del panorama italiano. Proseguendo lungo il percorso indicato nella mappa si incontra il Ponte della Calcina, ai piedi del quale si trova l’omonima pensione dove soggiornò John Ruskin. Dal Ponte della Calcina girando prima a sinistra, lungo la fondamenta de Ca’ Bragadin e poi a destra, in Calle de la Chiesa si raggiunge Palazzo Venier dei Leoni, sede dal 1980 della Collezione Peggy Guggenheim, una delle più importanti raccolte d’arte italiana, europea e americana del Novecento.

 

Per raggiungere Punta della Dogana - François Pinault Foundation e la Fondazione Emilio e Annabianca Vedova ritornate alla fermata Accademia, prendete nuovamente il vaporetto della Linea 1 e scendete alla fermata Salute. Dall’imbarcadero si può ammirare la Basilica della Madonna della Salute, capolavoro di Baldassarre Longhena, costruita tra il 1631 e il 1687 nel ricordo della liberazione dalla peste. Proseguendo lungo la Fondamenta arriviamo alla Punta della Dogana, edificio seicentesco che ospitava la Dogana da Mar della Repubblica di Venezia.

 

Grazie al recente restauro dell’architetto giapponese Tadao Ando, l’edificio è diventato un centro d’arte contemporanea che insieme a Palazzo Grassi costituisce il complesso espositivo della François Pinault Foundation e ospita grandi mostre d’arte contemporanea. Ripercorrendo a ritroso la Fondamenta e imboccando Rio Terà dei Catecumeni proseguiamo poi lungo Rio Terà ai Saloni raggiungendo i nove grandi Magazzini del Sale (XIV sec.), il primo dei quali (civico 266), ospita la Fondazione Emilio e Annabianca Vedova, dedicata all’artista veneziano Emilio Vedova e spazio polivalente che ospita mostre sull'artista e non solo.

«Venice Art For All 2014»
Fino al 15 giugno 2015 Sestiere Dorsoduro
www.veneziacittapertutti.it