VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Strumenti di ricerca. La musica romantica incontra la città
Strumenti di ricerca. La musica romantica incontra la città
di Alberto Massarotto   

ensemblemusagete.jpg

 

Da qualche tempo a Venezia gli spazi musicali dedicati a bambini e ragazzi, ma anche alle loro famiglie, si concretizzano nel pomeriggio della domenica. Per questo mese il Centre de Musique Romantique Française del Palazzetto Bru Zane accentua l'iniziativa offrendo ben due occasioni d'incontro all'interno dei Concerti per le famiglie.

 

Il primo presenta i lavori di due compositori molto noti come Camille Saint-Saëns e André Caplet eseguiti dall'Ex Novo Ensemble attraverso la mediazione di Diana d'Alessio che ha il compito di introdurre i ragazzi nel mondo dei suoni e offrire loro, all'interno di laboratori musicali e creativi organizzati prima del concerto, le chiavi d'ascolto necessarie al fine di poter sperimentare la musica in modo interattivo. Un'ottima occasione per scrutare cosa si nasconde dietro le accattivanti armonie che si snodano tra i piacevoli impasti timbrici del Caprice sur des airs danois et russes prima che si possano dissolvere in virtuosistici picchi strumentali.

 

stavy.jpg

 

Per niente casuale l'accostamento del Quintetto di Caplet che, oltre ad avvicinarsi al lavoro precedente per organico, presenta elementi e spunti molto simili. Un'occasione unica per scoprire il fascino della musica da camera attraverso la natura dei suoni. Su questa linea si struttura infatti il secondo incontro curato da Sabina Italiano di BarchettaBlu che, insieme ai musicisti dell'Ensemble Musagéte, propone un itinerario musicale legato alla conoscenza dei singoli strumenti e dei loro suoni attraverso i quali poter poi giocare per formulare le combinazioni sonore più strampalate come corridoio d'accesso al mondo musicale.

 

Ad arricchire l'offerta concertistica si inserisce la serata con il pianista Nicolas Stavy che, muovendosi principalmente all'interno di un repertorio strumentale classico e romantico, presenta un programma tutto al femminile: gli studi e l'ottava sonata di Hélène de Nervo de Montgeroult, pianista e compositrice che tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento concentrò la stesura dei suoi lavori più importanti oltre a dedicarsi a un'intensa attività didattica presso il Conservatorio di Parigi; tre lavori di Mélanie Bonis che sin dal loro titolo non nascondono una forte predisposizione classica al comporre. A cavallo tra Ottocento e Novecento infatti, la Bonis scrisse più di trecento composizioni tra opere prettamente pianistiche, cameristiche, per organo, corali e per orchestra.
 
«Palazzetto Bru Zane Stagione 2014-2015»
1, 7, 29 marzo Palazzetto Bru Zane
Info www.bru-zane.com