VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Expo Aquae 2015. Sull’acqua, con l’acqua, nell’acqua
Expo Aquae 2015. Sull’acqua, con l’acqua, nell’acqua
di Alessandra Morgagni   

aquae.jpg

 

Dopo tante parole e tanti progetti, si è infine giunti al dunque. Già, a maggio l’Expo si apre anche qui, a Venezia. Si è trattato di una sfida, che non è ancora una vittoria, e di un progetto definitisi giorno per giorno, faticosamente, nel corso dei mesi tra mille peripezie e accadimenti. La sfida è stata quella di inserire il territorio veneziano dentro al clima effervescente dell’Expo di Milano, occasione importante e da non perdere per dare un segnale significativo di vitalità del sistema Italia e del Veneto in particolare. Il risultato ora è davanti a tutti: una sessantina di progetti diffusi nell’area della Laguna e, come unico episodio di padiglione espositivo al di fuori dell’area di Milano, lo spazio Aquae a Marghera. Il dato più significativo è rappresentato dal tema prescelto, l’acqua; un tema né periferico né ripetitivo rispetto a quello generale dell’Expo di Milano, Nutrire il pianeta, energia per la vita, bensì universale e al contempo quanto mai territoriale, in una parola molto à la page, glocal.

 

Attorno all’acqua è nata l’idea di costruire un progetto che avesse Venezia e la sua laguna come naturale epicentro. Nel corso dei mesi le idee si sono concretizzate, riuscendo a coinvolgere preziose risorse imprenditoriali, intellettuali, culturali. Emblematica è stata la scelta di mostrare il risultato concreto di questo sforzo in un luogo fisico di grandissima valenza storica e sociale per Venezia e la sua terraferma. Il Padiglione Aquae, vero e proprio “evento collaterale” dell’Expo milanese, è sorto nello spazio-cerniera per eccellenza tra la città storica e la terraferma, luogo pieno di significati dai quali la stessa Venezia oramai non può più prescindere per guardare al proprio sviluppo futuro. Riuscire a collocare il Padiglione proprio in quell'area industriale dismessa, del cui futuro ci si dovrà prima o poi occupare, è da cogliere come un segnale di grande rilevanza.

 

rendering.jpgIl building, inoltre, si caratterizza per qualità architettonica: non un oggetto temporaneo da smantellare tra sei mesi, ma un progetto complesso ideato da Michele De Lucchi, con lo studio Gris-Dainese a curare l’allestimento degli interni. Lo spazio espositivo prevede aree dedicate all’intrattenimento, all’edutainment, spazi congressuali per incontri di carattere scientifico sul tema dell'acqua e dei cambiamenti climatici, aree gastronomiche per la diffusione della cultura del pesce, luoghi dove sarà possibile fare business in particolare con l’Oriente, come da migliore tradizione veneziana. Numerose saranno anche le “machine sceniche” e le sezioni esperienziali dislocate in diverse aree del Padiglione, idealmente a costituire un fiume di emozioni e di informazioni, in primis un grande dodecaedro al centro dell’edificio realizzato con mega schermi dove saranno proiettati immagini e filmati.

 

Installazioni artistiche e un giardino botanico sono invece allestiti sul terreno all’aperto che circonda il Padiglione. I circa novanta progettiprogetti che, come una via lattea, si diffondono in laguna e nell’entroterra comprendono itinerari turistici lungo le vie d’acqua, percorsi in bicicletta, a cavallo, tra i campi da golf, approfondimenti tematici con incontri e convegni, esperienze enogastronomiche, app innovative per smartphone, tutti georeferenziati e da scoprire in un’unica grande mappa del territorio accessibile dal sito www.venicetoexpo2015.org , nonchè sulla mappa cartacea prodotta da «Venezia News» e in distribuzione al Padiglione Aquae e nei punti vendita di Vela.

«Aquae Venezia 2015»
Dal 3 maggio al 31 ottobre-Marghera (Ve)
Info www.aquae2015.org