VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Wuthering Heights. Carrellata di indie "star" per la quinta Tempesta al Rivolta
Wuthering Heights. Carrellata di indie "star" per la quinta Tempesta al Rivolta
di Redazione   

tdook.jpgCompie un lustro il festival invernale della Tempesta al Rivolta giunto quest’anno ad una quinta, travolgente edizione. Sui due palchi si alternano Il Teatro degli Orrori, i Bachi da Pietra, Yakamoto Kotzuga, Aucan, Erio, Godblesscomputers, Management del Dolore Post-Operatorio e Garrincha Sound System.

 

Nasce anche un nuovo spazio, “Fumetti Fantasmi”, dedicato alle produzioni di fumetti indipendenti con ospiti Dr. Pira, Ratigher, Filosa, Davide Toffolo e molti altri.

 

Il Teatro degli Orrori presenta il nuovo album omonimo, uscito per Tempesta lo scorso 2 ottobre. La band solidificata a sei elementi, le nuove dodici canzoni e i vecchi inni: tutto è pensato per far scatenare il pubblico come se non ci fosse un domani.

 

I Bachi da Pietra presentano invece il nuovo Necroide, rilasciato lo scorso 25 settembre, un album dalla doppia anima, un po’ black metal e un po’ folk. Anche gli Aucan presentano l’ultimo lavoro, Stelle Fisse, freschissimo di stampa e realizzato in collaborazione con la londinese Kowloon Records.

 

Il ritorno al live vero e proprio con il batterista al suo posto dopo qualche anno di dj-set è una gioia per chi li seguiva ai tempi di Black Rainbow e per chi ama il feeling electro-rock. Ad aprire le danze in Sala Hangar dalle 19, i Management del Dolore Post-Operatorio, che promettono una misteriosa sorpresa natalizia.

 

hardcore_tamburo_20121208_la_tempesta_al_rivolta.jpgIl giovanissimo produttore veneziano Yakamoto Kotzuga ha pubblicato per la Tempesta il bellissimo Usually Nowhere e non mancherà di ipnotizzare il pubblico con un set onirico.

 

Godblesscomputers, da poco entrato nel roster dell’indie label, con cui ha pubblicato Plush and Safe, un concept album di musica elettronica, dopo aver calcato moltissimi palchi è finalmente al Rivolta per sconvolgere corpo e mente di nuovi e vecchi adepti.


 

Per Erio è il momento dei primi, emozionanti live, dopo due 45 digitali, e il debutto il mese scorso con Für El, le cui tracce sono state incise da Paolo Baldini con un risultato eccezionale.

 

A chiudere la serata Garrincha Sound System: come di consueto La Tempesta chiama un gruppo amico a ‘girare’ dischi, e questa volta si tratta addirittura di un collettivo formato da Teppa Bros, gli imprevedibili e dirompenti Abi e Bebo, fondatori de Lo Stato Sociale, e Costa! band formata da Matteo Costa Romagnoli, fondatore di Garrincha Dischi, e dai suoi quattro fratelli spirituali.

 

La locandina del festival è come sempre frutto del lavoro di Alessandro Baronciani: per la prima volta raffigura un ragazzo che si staglia sullo skyline di Marghera, le fiamme sputate dalle ciminiere diventano un tutt’uno con la sua chioma.

La Tempesta V
5 dicembre Rivolta pvc Marghera
rivoltapvc.blogspot.com