VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow Kepto in touch. È difficile, ma si può fare
Kepto in touch. È difficile, ma si può fare
di Lara Cavalli   

keptorchestra.jpgIl jazz non è solo musica. È filosofia di vita, esaltazione dell’individuo che diventa straordinario nella comunità. Il jazz è equilibrio, capacità di ascoltare per improvvisare, libertà desiderata dai discendenti degli schiavi afroamericani come dagli schiavi di una società capitalistica in cui l’esaltazione individuale è più importante dell’ensemble.

 

Mentre scrivo, ascolto il flicorno di Marco Tamburini in My life is now - we live the present perdendomi nella sua leggera, salata freschezza, nella pulizia del suono che non manca di poesia, nella precisione che non prende il sopravvento sul sentimento.

 

Il concerto del 6 dicembre al Candiani con la Keptorchestra ha un sapore tutto speciale, essenza del pensiero jazzistico: l’individuo che diventa comunità e la comunità che si fa solo ed unico suono.

 

Marco questo lo sentiva così fortemente da metterlo in pratica facendo parte di quella che è ancora considerata la più innovativa, divertente e divertita big-band del nostro paese.

 

Nata alla fine degli anni ’80, è stato un generoso laboratorio dal nucleo veneto nel campo della composizione e dell’arrangiamento per tutti i musicisti che ne hanno fatto parte. Serietà, creatività, divertimento, professionalità, per riuscire perfettamente in quello che Wynton Marsalis sintetizzava: «Il jazz ti ricorda che devi far funzionare le cose insieme ad altri. È difficile, ma si può fare».

Keptorchestra-Omaggio a Marco Tamburini
6 dicembre Centro Culturale Candiani-Mestre
www.candiani.comune.venezia.it