VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Il mio mare infinito. Roberto Kusterle porta al Florian le sue “Spose”
Il mio mare infinito. Roberto Kusterle porta al Florian le sue “Spose”
di Redazioneweb   
kusterle.jpgDa quasi trent’anni, in concomitanza con le Biennali Arte o Architettura, il Caffè Florian invita un artista a reinterpretare una sua sala con un’installazione appositamente creata. È Roberto Kusterle (Gorizia, 1948) il protagonista 2016 con Le Spose del Mare, un viaggio onirico alla scoperta del mito di Venezia, del suo essere nata dal mare, del suo legame indissolubile con l’Adriatico.

Memorie ancestrali e lontane mitologie paiono venir evocate nell’opera di Kusterle, racconti differenti, dalle molteplici possibilità di lettura, sospesi tra verità e finzione, serietà e ironia. La sua ricerca implica, al di là dell’intuizione iniziale, una serie di competenze e capacità specifiche che dimostra di padroneggiare con disinvoltura e fantasia: Kusterle è prima di tutto regista, poi scultore, decoratore, costumista, truccatore, ‘mago’ e, solo alla fine, fotografo. La sua tecnica è quella della staged photography, una fotografia di messa in scena. Le sue “donne conchiglia” paiono così estratte dal grande teatro della vita, inserite in un’ambientazione, in una narrazione, in un insieme di invenzione ed estensione del pensiero che permettono di giungere a un’immagine sapientemente e perfettamente espressa attraverso la tecnica fotografica. La mostra è a cura di Stefano Stipitivich

«Roberto Kusterle. Le Spose del Mare»
Fino 31 agosto 2016 Caffè Florian, Piazza San Marco - Venezia
www.caffeflorian.com