VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow [73.MOSTRA] Salto triplo. Oltre la competizione, a capofitto nel cinema
[73.MOSTRA] Salto triplo. Oltre la competizione, a capofitto nel cinema
di Sara Sagrati   
27632-hacksaw_ridge_1.jpg«Opere firmate da autori di importanza riconosciuta». Con questa frase viene descritta la selezione della sezione Fuori Concorso della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Film, documentari, animazioni e serie, per un totale di 18 titoli, che dal 31 agosto al 10 settembre regalano quel tocco in più alla 73esima edizione. Non un escamotage per portare al Lido nomi altisonanti, lontano dalle pressioni del Concorso, ma soprattutto una panoramica variegata di visioni sulla nostra contemporaneità. Non è questo il ruolo di un festival? E così, Fuori Concorso ecco l’attesa serie tv The Young Pope di Paolo Sorrentino con Jude Law (in anteprima mondiale le prime due puntate) e il documentario Our World di Benedetta Argentieri, Bruno Chiaravalloti e Claudio Jampaglia su tre volontari delle Unità di Protezione Popolare che combattono l’ISIS.
 


 

Sempre dall’Italia, la sezione propone Tommaso l’ultimo film di e con Kim Rossi Stuart, quest’anno presidente della giuria per la migliore opera prima, e il documentario Assalto al Cielo di Francesco Munzi, sorpresa del Concorso 2014 con Anime nere. Completano poi la “quota documentari” American Anarchist di Charlie Siskel, Austerlitz di Sergei Loznitsa e I Called Him Morgan di Kasper Collin. Importante come sempre la partecipazione americana: l’atteso The Bleeder con Liev Schreiber (che riceve il Persol Tribute to Visionary Talent Award) nel ruolo del pugile Chuck Wepner, l’ultima fatica di Mel Gibson Hacksaw Ridge, che riscatterà i suoi scatti d’ira raccontando la storia del primo soldato obiettore di coscienza interpretato da Andrew Garfield, il remake di I magnifici sette con Denzel Washington firmato da Antoine Fuqua, e la presenza di Natalie Portman e Lily-Rose Depp (figlia di Johnny) interpreti di Planetarium della giovane regista francese Rebecca Zlotowski.

 

Tanti poi i grandi autori, vecchie conoscenze della Mostra, dal Safari dell’austriaco Ulrich Siedl al Monte dell’iraniano (qui anche un po’ italiano) Amir Naderi, passando per À jamis del francese Benoît Jacquot, adattamento da Body art di Dom DeLillo. Miljeong (The Age of Shadows) del coreano Kim Jee Woon ci farà di sicuro saltare sulla sedia. Sempre in zona Oriente, per gli amanti degli anime, al Lido sbarca Gantz:O realizzato in computer grafica 3D e tratto dall’omonimo manga. Ma uno dei titoli più attesi sarà sicuramente One More Time With Feeling, documentario in 3D di Andrew Dominik sul nuovo disco di Nick Cave. Sarà poetico!

 

:agenda cinema