VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow [73.MOSTRA] Daily#9 (8 Settembre/September 2016)
[73.MOSTRA] Daily#9 (8 Settembre/September 2016)
di Redazioneweb2   

daily9_8sett2016_coversingola.jpgDAILY #9 [download]

 

LANDED: Andrei Konchalovsky Julia Vysotskaya Christian Clauss Jacob Diehl Florian Deyle  Rebecca Zlotowski Lily-Rose Depp Emmanuel Salinger Frédéric Jouve  Joann Carelli  Giuseppe Piccioni Margherita Buy Maria Roveran Marta Gastini Laura Adriani Caterina Le Caselle Filippo Timi Sergio Rubini Pierpaolo Pirone Chiara Atalanta Ridolfi  Yasushi Kawamura Eiichi Kamagata Kazutaka Yamanaka  Reha Erdem Ecem Uzun Berke Karaer  Enrico Caria Claudio Bigagli Giuseppe Schifani  Adriana Ayala Velentina Leduc Navarro

 

Crossed destinies

Destini che si inseguono e si intrecciano nella buona e nella cattiva sorte. Come per le sorelle Barlow, protagoniste di Planetarium (Fuori Concorso) di Rebecca Zlotowski. Interpretate dai volti enigmatici e magnetici di Natalie Portman e Lily-Rose Depp, Laura e Kate sono due ragazze dedite allo spiritismo nella Parigi di fine anni ‘30, che intrecciano le loro vite con quella di André Korben, celebre produttore cinematografico che intende girare il primo vero film di fantasmi, ma finirà per rimanere invischiato in un torbido ménage à trois. Un viaggio dalla provincia italiana a Belgrado sulle tracce di un contatto e forse di un lavoro, è l’occasione unica e irripetibile che cementerà l’amicizia tra quattro ragazze diversissime tra loro ma unite da un incrollabile legame, protagoniste di Questi giorni, nuovo atteso titolo di Giuseppe Piccioni, in corsa per il Leone d’Oro. Nel cast Margherita Buy e Filippo Timi, accanto alle giovani promesse Marta Gastini, Laura Adriani, Caterina Le Caselle e alla veneziana Maria Roveran. Ancora in Concorso, la nuova opera di Andrei Konchalovsky, Leone d’Argento nel 2014 per Le notti bianche di un postino. Paradise è il racconto dei destini incrociati di tre personaggi al tempo della Seconda guerra mondiale, sullo sfondo dei campi di concentramento. Dal Giappone, per i fan degli innumerevoli adattamenti da manga, arriva oggi Gantz:O di Yasushi Kawamura, ennesima versione cinematografica del fumetto scritto e disegnato da Hiroya Oku, edito in Italia da Planet Manga. A Tokyo esiste una stanza e in quella stanza una misteriosa sfera nera. Chi sarebbe comunque destinato alla morte viene chiuso nella stanza dove la sfera gli assegna una missione: scovare ed eliminare gli alieni che assediano il pianeta. Ma oggi è anche la giornata del Leone d’Oro alla carriera a Jean-Paul Belmondo, il più carismatico tra gli attori francesi, che rivedremo nel classico Il ladro di Parigi (1965) di Louis Malle. / Destinies intertwine, for better or worse, like the fate of the Barlow sisters, protagonists of Planetarium by Rebecca Zlotowski, interpreted by the enigmatic, magnetic features of Natalie Portman and Lily-Rose Depp. Laura and Kate are two spiritualists in late-1930s Paris that draw themselves closer to André Korben, cinema producer willing to make the first movie about ghosts, but will get mixed up in a turbulent menage à trois. A journey from Italian countryside to Belgrade after a lead and maybe a job is the one-time offering that four very different girls take and that will cement their friendship in Questi giorni by Giuseppe Piccioni, starring Margherita Buy and Filippo Timi. Andrei Konchalovsky’s new film Paradise is the story of three people over a WWII background. From Japan, for the fans of the countless manga adaptation, comes Gantz:O by Yasushi Kawamura. There’s a room in Tokyo and within that room is a mysterious black sphere. Someone – already on the death row for some reason – is forced to enter the room where the sphere gives him a mission: to search and destroy aliens that besiege the planet. Golden Lion for Lifetime Achievement to Jean-Paul Belmondo, whom we will see in classic The Thief of Paris (1965) by Louis Malle.

 

:agenda cinema