VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Bring the Noise. Grande ritorno di Tricky al New Age
Bring the Noise. Grande ritorno di Tricky al New Age
di F.D.S.   
mercoledě 02 novembre 2016
tricky.jpgPerché il trip hop è nato a Bristol? Che rapporto c’è tra questo genere musicale che unisce hip-hop, dub, elettronica e la città portuale inglese? L’hip hop delle periferie nere nord americane a Bristol diventa una musica dilatata, cupa, oppiacea, ai confini con il lisergico: qualsiasi spiegazione di tipo sociologico o climatico – come ad esempio la multiculturalità della città, oppure la sua predisposizione naturale alla pioggia, e quindi alla decadenza – lascia davvero il tempo che trova, come spiegare perché il grunge è nato a Seattle… Trip hop e grunge: generi che nascono nello stesso periodo, e che hanno in comune la nascita alla periferia dell’impero e la vita breve.

 

Diciamo che, alla fine degli anni Ottanta, un gruppo di dj, musicisti, produttori, cantanti si sono ritrovati a Bristol a sperimentare una musica bifronte: nera nei suoi legami col reggae e col dub, bianca nelle sue fortissime connessioni con l’elettronica e con la dance. I Massive Attack (due neri e un bianco, appunto…), col loro primo disco, Blue Lines, del 1991, ne sono stati i profeti. Con loro collabora un ragazzo, Adam Thaws, in arte Tricky, che, scontento del semplice ruolo di collaboratore, presto si rende autonomo e nel 1995 realizza un capolavoro: Maxinquaye, dedicato alla madre, morta quando lui aveva 4 anni.

 

Se il disco dei Massive Attack è un raffinatissimo esempio di decostruzione sonora, in cui comunque ancora la “forma-canzone” combatte una silenziosa battaglia contro la stratificazione ritmica e timbrica dei pezzi, con Tricky la trincea viene portata clamorosamente verso una musica molto più drammatica e ancestrale, in cui la dimensione melodica assume una dimensione di dolce corruzione, di oppiacea e sensuale visionarietà.

 

311731f0.jpgTricky rispetto ai Massive Attack appare più oscuro, torbido, ferino, più legato al dolore e alla malattia dell’uomo, e quindi in grado di interpretare meglio l’incertezza contemporanea, l’indecisione tragica tra macchina e uomo che è la cifra del nostro tempo. E l’uomo continuerà a segnare il passare del tempo con la sua musica che, anche se non sempre a livelli stellari come il primo lavoro, comunque si è contraddistinta per una rigorosa predisposizione alla collaborazione paritaria con altri musicisti (donne, in particolare: Martina Topley-Bird, Bjork, Neneh Cherry, ecc), per una coerenza artistica che solo raramente è venuta meno, per una grande lucidità nel mantenersi sempre al confine tra ragione e sentimento. 


Tricky sarà al New Age di Roncade sabato 12 novembre, a presentare il suo ultimo progetto musicale, Skilled Mechanics, uscito quest’anno: è un disco di elettronica non più percorsa dai brividi oscuri di Maxinquaye, ovviamente, ma che cerca comunque di trovare una sua strada tra rifiuto di celebrare il passato e lucidità nel guardare il presente dentro gli occhi. E che Tricky sia sempre stato un uomo coraggioso, non lo scopriamo certo adesso… Tra i suoi collaboratori c’è Dj Milo, il suo più caro e vecchio amico, colui che, tanti anni fa, quella lontana notte al St. Pauls di Bristol, mise sul piatto Bring the Noise dei Public Enemy. E da allora, sotto a quel palco, la vita di Tricky cambiò per sempre.

Tricky – Skilled Mechanics
12 novembre 2016 New Age Club-Roncade (Tv)
www.newageclub.it