VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow L’orizzonte in testa. Un rifugio cittadino dell’anima, la nuova stagione del Groggia
L’orizzonte in testa. Un rifugio cittadino dell’anima, la nuova stagione del Groggia
di Redazioneweb   
oasi_lorizzonte_in_testa.png«Il Groggia è il Teatro dei veneziani, quello più vicino ai cittadini, e questa sua vocazione lo rende speciale. In questi anni abbiamo lavorato per ampliare sempre di più questa famiglia – spiega Mattia Berto, Direttore Artistico di mpg.cultura, nel presentare la nuova stagione – Nonostante le difficoltà nulla ci ha fermato perché pensiamo sia importante offrire la possibilità di conoscere nuovi linguaggi e di incontrarsi». Così, anche per la stagione 2016/17, il Teatrino Groggia torna a infondere nuova vita in città con una proposta culturale varia, ricca e di livello, articolata in un cartellone che conta 25 appuntamenti, fino a giugno. «Il Teatrino Groggia è un posto magico, ha energia rara, fatta soprattutto di persone. Un’oasi che esiste e resiste. Un’oasi in cui si crea, si sperimenta, ci si incontra. Dove tutti, dai piccoli ai grandi, trovano uno spazio, un palmeto protetto nel quale rifugiarsi e fare comunità». Con questo spirito si è aperta la sesta rassegna del Teatrino di Cannaregio, intitolata appunto Oasi_l’orizzonte in testa che si declina in diverse sezioni: Oasi vicine, coinvolge compagnie e realtà cittadine; l’Oasi dei piccoli, appuntamento domenicale con spettacolo e merenda per bambini e famiglie; Oltre il confine dell’Oasi che raccoglie i lavori e le sperimentazioni di giovani professionisti del teatro contemporaneo; l’Officina Oasi, composta di laboratori e residenze; e gli Eventi speciali in Oasi.

 

cucu2-foto-di-yurij-pevere.jpgIl primo appuntamento a novembre è il 7, con Balera Groggia – Vorrei solo ballare (fino al 12 febbraio), ideato da Mattia Berto che, dopo la felice esperienza dello scorso anno, torna a coinvolgere i veneziani che abbiano voglia di mettersi in gioco in un laboratorio, reinventando un luogo tanto stereotipato quanto demodé: la balera. Il programma prosegue poi con Oltre il confine dell’Oasi, il 18, con lo spettacolo Anna Cappelli di Annibale Ruccello, primo progetto autoprodotto della giovane attrice Annamaria Troisi. Nella pièce, di un’attualità sorprendente anche a trent’anni dalla scomparsa del drammaturgo campano, si tratteggia la figura di Anna, donna alla ricerca di un’emancipazione che tuttavia le sfugge tra ostacoli e difficoltà.

 

L’appuntamento dedicato agli spettatori più piccoli e alle loro famiglie è invece il 20 novembre, con Ketti Grunchi e lo spettacolo-laboratorio sul ‘mistero’ della risata nei bimbi (vedi p. 73). Infine, il mese si chiude con il primo Evento speciale della stagione, venerdì 25, Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che presenta il reading teatrale Ferite a morte con le interpreti dell’Associazione PadovaDonne.

«Oasi_l’orizzonte in testa»
7, 18, 20, 25 novembre 2016 Teatrino Groggia-Venezia

www.mpgcultura.it