VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow The artist. Vedova e l’avanguardia musicale
The artist. Vedova e l’avanguardia musicale
di Redazioneweb2   

deamericapaologasparini.jpgTra gli anni ’50 e ’60 Emilio Vedova, protagonista dell’avanguardia artistica italiana già dall’immediato dopoguerra, entra in contatto molto stretto e frequente con la realtà artistica e culturale americana. È nel De America, grande ciclo di circa cinquanta dipinti su tela e su carta eseguiti a Venezia tra il 1976 e il 1977 che la sua intensa esperienza ‘americana’ trova espressione, sensibile alle radicali trasformazioni che, tra gli anni ‘60 e ‘70, agitano la società su entrambe le sponde dell’Atlantico.

 

Proprio in riferimento a questa formidabile stagione della pittura vedoviana, la Fondazione Emilio e Annabianca Vedova ha organizzato Euroamerica, ciclo di concerti dedicati agli Stati Uniti e all’Europa curato da Mario Messinis che ha avuto un “prologo” lo scorso luglio con due formidabili concerti allo Spazio Vedova del Chick Corea Quintet, riunito in occasione del settantacinquesimo compleanno del grande pianista.

 

Il 10 novembre ecco una sintesi delle avanguardie europee del Novecento da Debussy a Boulez offerta dalla pianista Letizia Michielon, mentre di Terry Riley si ascolta Tread on the trail del 1965, brano sconosciuto che si ispira al jazz nell’esecuzione del Chironomids Outerspace Group diretto da Giovanni Mancuso. Il giorno successivo sentiamo The Ghosts of Alhambra di George Crumb e Karlheinz Stockhausen nei poetici Indianerlieder di rarissima esecuzione, mentre a conclusione del ciclo il 13 novembre debutta a Venezia il Jack Quartet, uno dei più agguerriti complessi statunitensi che presenta un capolavoro giovanile di Pierre Boulez, il Livre pour quator dal radicale estremismo linguistico. Rispetto allo sfingeo Boulez, poi, Steve Reich all’opposto pone il problema della semplificazione ripetitiva. In Different Trains, come in tante sue opere, il compositore statunitense conferisce una tensione mentale al cosiddetto minimalismo.

«Euroamerica»
10, 11, 13 novembre Fondazione Vedova
www.fondazionevedova.org