VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow NATALE 2016 | Natale dentro. Inconfondibilmente... Venezia
NATALE 2016 | Natale dentro. Inconfondibilmente... Venezia
di Fabio Marzari   

dsc_2001_opzione_bis.jpgIl Natale a Venezia riveste una dimensione più intima, volendo dare a questo aggettivo un significato di protetto, racchiuso. Protagonisti indiscussi sono le chiese, i teatri, i palazzi, cui ora si sono aggiunti anche i nuovi department store che invitano a sostare piacevolmente all’interno.

 

Come non partire tuttavia dalla Basilica di San Marco, trionfo di mosaici e di ori, simbolo assoluto di bellezza, arrivando poi ai Frari, a San Giovanni e Paolo e a tutte le chiese di Venezia, soprattutto quelle ‘minori’, che ospitano eventi legati al Natale che per la loro intrinseca bellezza invitano alla visita, anzi spesso alla conoscenza.

 

Poi i teatri, Fenice e Goldoni su tutti, con i loro spettacoli, momenti di evasione colta in un periodo dell’anno in cui il tempo è maggiormente dilatato e le temperature esterne favoriscono una socialità indoor. La città regala sbrilluccicanti emozioni natalizie nei suoi numerosi palazzi, che, con le ore notturne, emanano bagliori diffusi che irradiano un senso di colorata magia.

 

Sono soprattutto gli hotel a fare a gara nei decori, nel creare il calore della festa, condita di eleganza. Il periodo di Natale, esteso fino a dopo l’Epifania, può regalare grandi e piacevoli sorprese se si vogliono cogliere le numerose e ghiotte opportunità che Venezia offre.

 

Alcuni luoghi in questa stagione, più crepuscolare, intima e vagamente malinconica, rappresentano dei must imperdibili, purché si sia predisposti ad una dimensione del silenzio, in cui Venezia non ha timore di esibire le sue fragilità agli occhi del passante, come una signora che non teme le rughe che raccontano una maturità raggiunta.

 

43.jpgCuriosare con discrezione all’interno degli hotel, ammirare i decori, stupirsi di tanta creatività in mostra e avere nel contempo l’occasione di entrare in luoghi iconici, ammirati e desiderati in tutto il mondo è una prerogativa a portata di sguardo.

 

L’eleganza senza tempo di The Gritti Palace, la maestosità dello scalone del Hotel Danieli, la preziosità dell’Aman, le avvolgenti atmosfere del Metropole, le sale dell’Europa&Regina, il salotto di PalazzinaG, il fascino austero del Bauer fino al trionfo della follia natalizia dei Campa Bros a Ca’ Maria Adele, che trasformano il loro già incredibile spazio in una fiera delle meraviglie del Natale... E solo per citarne alcuni, perché l’elenco continua e il piacere della scoperta è infinito e senza pari, in una città che è sinonimo di hotel di alto niveau.

 

Come poi non ricordare le vetrine e gli interni delle boutique, di Coin Excelsior e di T Fondaco decorati al meglio, un piacere per gli occhi e forse anche una frustrazione per chi non può accedere al servizio super dedicato che questi negozi offrono ai loro clienti.

 

Eppure lapalissianamente è meglio vivere in una città dove un improvviso benessere potrebbe essere soddisfatto da una miriade di templi laici del fashion più evoluto, piuttosto che passeggiare tra desolati e anonimi centri commerciali... Almeno in inverno, però, riprendiamoci la piazza! Godiamo del privilegio unico di avere uno di fronte all’altro la storia dei caffè, Florian e Quadri, assaporiamo una tazza di fumante cioccolata calda con i baicoli e con altri buonissimi biscottini... prima che sia già Carnevale.