VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow Paper debris. Petrina presenta il nuovo "Be Blind" al Flat
Paper debris. Petrina presenta il nuovo "Be Blind" al Flat
di Gabriella Zullo   
foto-be-blind-6.jpgPetrina nel Salottino è quella “serata diversa” che stavate aspettando: il 23 dicembre al Flat di Mestre l’anno si chiuderà in bellezza. Retorico e banale dire che Debora Petrina è un’artista a tutto tondo specie per chi la conosce e segue i suoi successi. Ha calcato i grandi palchi di New York, Los Angeles, Tokio, Strasburgo e non solo. Anche in Italia si è esibita su palchi d’eccezione come quello del Teatro La Fenice.

 

Petrina è cantautrice, pianista, ballerina con una presenza scenica che farebbe invidia a molti attori. Come iniziare a descriverla? «Nasce a Cittadella nel marzo del ‘72, esordisce come musicista nell’Orchestra di Padova e del Veneto dimostrando subito il desiderio di sperimentare nuovi universi musicali». Buono come incipit, ma troppo ordinario per una come lei. Versatile ed eclettica, preferisce chiamare la sua arte “artigianato”, un ‘frullato’ in cui c’è dentro si tutto: un bel po’ di autobiografia, pizzichi d’emozione e tracce di traumi: «Insomma, tutto quello che fa scrivere», commenta nel video Scenasonica Rewind & Play: Petrina.

 

Il suo talento ha suscitato l’interesse di molti artisti internazionali come il produttore David Byrne. È stata ospite al Festival Jazz di Madrid, al Veneto Jazz Festival e alla Biennale Danza 2012. È un curriculum eterogeneo e non si sa davvero da dove iniziare! Il suo, poi, è un cantautorato sperimentale indie-rock, con un taglio elettronico e una vena jazz. I suoi lavori sono davvero molto diversi: da Four Pianos (2013) una raccolta piano solo, con le prime assolute di Sylvano Bussotti, al terzo album Petrina nello stesso anno. Be Blind (2016) è il suo ultimo lavoro, un “viaggio cieco nella felicità” un rock progressive, dove le distorsioni elettroniche la fanno da padrone, e Supercharged machine, uno dei singoli inclusi, è un ottima chiave d’accesso per iniziare ad ascoltarlo.

Debora Petrina
23 dicembre 2016 Flat-Mestre (Ve)
www.facebook.com/associazione.flat