VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow Un mondo nero su bianco. Da Bologna a Venezia: il festival "Il Cinema Ritrovato" a Teatrino Grassi
Un mondo nero su bianco. Da Bologna a Venezia: il festival "Il Cinema Ritrovato" a Teatrino Grassi
di Delphine Trouillard   
immagine_viaggio-in-italia_27218.jpgGrazie alle nuove tecnologie il restauro di film si è sviluppato, perfezionato e ampliato, consentendo la diffusione di numerose opere cinematografiche che, senza l’esistenza di laboratori dedicati oggi sarebbero probabilmente dimenticate. Il Cinema ritrovato, festival del film restaurato organizzato dalla Cineteca di Bologna, da trent’anni offre al pubblico la visione di versioni restaurate dei più grandi classici del cinema italiano e internazionale con proiezioni che, da Piazza Maggiore in occasione delle sue prime edizioni, negli anni sono aumentate coinvolgendo cinque sale del centro storico di Bologna.

 

Forte del successo di pubblico e di critica, il Festival approda con una capsule collection significativa a Venezia, presentando alcuni grandi classici al Teatrino di Palazzo Grassi dal 14 al 16 dicembre. La rassegna veneziana apre con Lumière!, omaggio alla famiglia che ha inventato il cinematografo: Antoine, pittore e fotografo, e i due figli Auguste e Louis, quest'ultimo, appena diciassettenne, inventò la famosa Etiquette Bleue, una lastra fotografica molto sensibile che consentì per la prima volta di fissare e riprodurre il movimento. I Lumière inventarono così nel 1896 il Cinématographe Lumière, restituendo il mondo al mondo.

 

Resero così visibili agli occhi del grande pubblico immagini in movimento di tutti i luoghi del pianeta, le città, i paesaggi, gli uomini e le donne. E sono proprio uomini e donne, intrecci di destini e di avvenimenti al centro del secondo film presentato al Teatrino: Les Enfants du Paradis (Amanti perduti) del 1945 diretto da Marcel Carné insieme al poeta-sceneggiatore Jacques Prévert. Girato durante la Seconda Guerra Mondiale, è considerato il “più bel film francese di tutti i tempi” soprattutto per la forza evocativa del set, che somiglia a un palcoscenico popolato di clown, saltimbanchi, artisti di strada e piccoli criminali.

 

les-enfants-du-paradis-7107_1.jpgLa rassegna prosegue ponendo le donne al centro dello schermo: Double Journey (2015), documentario di Mariann Lewinsky e Antonio Bigini, racconta il viaggio in Afghanistan e in India della scrittrice Ella Maillard nel 1939-40 attraverso la riscoperta di spezzoni di film 16mm e fotografie; Ninotchka (1939), una delle commedie romantiche più celebri di Ernst Lubitsch, tratta dall'omonimo romanzo di Melchior Lengyel, celebra il talento indimenticalbile di Greta Garbo; Rapsodia Satanica (1917) di Nino Oxilia, film muto fra i più importanti della sua generazione per l'ispirazione dannunziana, riscopre la sublime interpretazione di Lyda Borelli, star indiscussa del muto italiano.

 

Il viaggio è protagonista delle proiezioni della terza e ultima serata: Il treno va a Mosca (2013) di Federico Ferrone e Michele Manzolini racconta la fine di un mondo attraverso lo sguardo e la testimonianza in 8mm del giovane Sauro Ravaglia, partito per filmare l’utopia e scontratosi contro la crudele realtà. Viaggio in Italia (1954) di Roberto Rossellini, drammatica storia che diviene sublime omaggio a una Napoli appena uscita dalla Seconda Guerra Mondiale, con la protagonista Katherine (la bravissima Ingrid Bergman) rapita dalla distruzione e al contempo dallo splendore e dal fascino di una cultura millenaria. Chiude la rassegna, il celeberrimo La febbre dell’oro (1925) di Charlie Chaplin, l’incontro di un vagabondo, ingenuo e solitario, con il rude mondo dei cercatori d’oro.

 

Dopo la Mostra del Cinema di Venezia che include nella propria programmazione versioni restaurate di grandi classici, il Teatrino di Palazzo Grassi, ospitando una raffinata selezione di film storici, muti o più recenti, diventa a sua volta garante della memoria del mondo.

 

«Il cinema ritrovato»
14-16 dicembre 2016

Teatrino di Palazzo Grassi, San Samuele - Venezia

www.palazzograssi.it

 

:agenda cinema