VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS arrow Ragione e sentimento. Al Fondaco la ristorazione a firma Alajmo
Ragione e sentimento. Al Fondaco la ristorazione a firma Alajmo
di Fabio Marzari   

_dsc0433b_credits_matteo_defina.jpgIl T Fondaco dei Tedeschi non finisce di stupire e sforna novità a ritmo sostenuto, come non si era finora abituati nella sonnacchiosa Venezia invernale. Mancava un tassello per rendere completamente appagante l’esperienza al Fondaco. Un assaggio era stato offerto con il bellissimo bar targato Philippe Starck/Fratelli Alajmo; ora nella corte del Fondaco apre AMO, un ristorante che fa della purezza il suo leitmotiv. Attorno al concetto del lusso si è sviluppata una forte retorica, tutti parlano di lusso ed esperienza, salvo trovarsi spesso invece di fronte a una omologazione verso l’alto che di elevato ha solo i prezzi. T Fondaco invece fa della ricerca la sua caratteristica – i brand del lusso non sono catalogati come un paradiso dell’effimero post anni ‘80 e neppure luccicano come certe catenone d’oro di rapper di Miami con outfit super brandizzati – in un crescendo, come una sinfonia, in cui la bellezza viene svelata, non sbattuta violentemente di fronte. Ogni cosa va scoperta, ricercata, provata e indossata senza lo stress della forzata esibizione.

 

Così, seguendo il concetto della semplice eleganza, l’incontro tra il creativo per definizione Starck e i due Fratelli Massimiliano e Raffaele Alajmo ha fatto nascere dei luoghi mitici, come il Caffè Stern a Parigi, un inno alla vita, alla gioia, non all’opulenza crassa e un po’ cialtrona di molti competitor del lusso. Dopo Piazza San Marco con il Gran Caffè Quadri, ritornato allo splendore anche nelle livree dei camerieri che nella stagione invernale servono i clienti all’esterno indossando un magnifico tabarro, come tradizione imponeva, ecco ora Rialto, snodo di traffico e di commerci, cuore di Venezia, ancora popolato e frequentato da veneziani.

 

amo_by_federico_nero1.jpegIl lavoro creativo ed esecutivo svolto per AMO ha sempre portato come baluardo imprescindibile il fondersi della semplicità degli ingredienti, l’onestà e la leggerezza della cucina, con lo scopo di liberare lo spirito, aprendo il cuore alle emozioni. Anche nelle grafiche scelte, volutamente non convenzionali, c’è il rispetto delle iconiche maschere veneziane, capaci di celare oltre all’identità le vere intenzioni di chi le indossa, perché, parole di Raffaele Alajmo, «esse strappano via le etichette e i limiti dell’esteriorità, rivelando così la vera essenza del sé». AMO è dunque un’esperienza rivelatoria, affonda le sue radici nella storia stessa della città, da uno dei suoi punti fondanti, Rialto, e si offre come metafora di Venezia e dei suoi mille rivoli di mistero e leggenda. «AMO è un’isola di mistero veneziano al centro dei tesori di tutto il mondo. Ogni pezzo di arredamento è un concentrato di spirito veneziano: i divani sono ispirati alle gondole, i vetri sono forgiati dai maestri vetrai di Murano, le pareti ritraggono fantasie ispirate al Carnevale di Venezia», dice Philippe Starck.

 

Come Venezia, AMO cambia seguendo la luce del giorno: luminoso e accogliente nelle ore diurne, più segreto e misterioso di notte, quando i negozi sono chiusi e l’intensità cromatica dei marmi scuri dei tavoli e del bar si amplificano, mentre le luci si affievoliscono e i divani dagli insoliti e alti schienali favoriscono conversazioni più intime e rilassate. AMO è al centro di una piazza, al di là di una parete c’è l’acqua del Canal Grande che fluisce, ora lenta ora più agitata... « L’idea era quella di creare la materia – continua Starck –, una forte, ma eterea materia. Una composizione di diverse tonalità per trovare e definire i volumi senza usare linee. Un gioco di luci con i grigi come soli strumenti. Volevo che questa materia fosse un’evocazione di questo corpo, di questa sostanza in cui è racchiusa Venezia. Una materia che apparisse come appaiono gli stessi litorali della laguna veneziana, con il loro intricato nido di canali che creano sinuose e convulse forme uno con l’altro».


AMO | T Fondaco di Tedeschi by DFS
San Marco 5556 (aperto/open h. 10-22)
www.alajmo.it/amo | t. 0412412823