VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Presenze leggere. Lo “spirito allegro” di Gullota al Teatro Goldoni
Presenze leggere. Lo “spirito allegro” di Gullota al Teatro Goldoni
di Raffaele Avella   
spirito-allegro.jpgRaccontare il soprannaturale partendo da Spirito Allegro, il capolavoro del commediografo inglese Noël Coward, è l’obiettivo di Leo Gullotta protagonista del primo appuntamento di prosa del 2017 al Teatro Goldoni, all’insegna del divertimento e degli effetti speciali. Scritto da Coward nel 1940 in soli cinque giorni, Spirito allegro debuttò a Londra nel 1941 rimanendo in scena per ben 1997 repliche.

 

La trama della commedia è incentrata su un affermato scrittore inglese di nome Charles Condomine (Leo Gullotta) il quale organizza una seduta spiritica per documentarsi in vista di un nuovo romanzo.

 

Alla seduta partecipano la sua seconda moglie Ruth, il dottor George Bradman che è il miglior amico di Charles e la signora Violet, moglie di Bradman. Ma è il personaggio di Madame Arcati (Betti Pedrazzi), la buffa e maldestra medium che conduce la seduta, a prestare il fianco alle situazioni più divertenti, finendo per invocare lo spirito della prima moglie di Charles, Elvira.

 

Ruth ed Elvira sono come la notte e il giorno, non possono essere più diverse e in contrasto, ma Madame Arcati non riesce a ricacciare indietro lo spirito di Elvira che fa capitare una serie di scherzi divertenti e accadimenti misteriosi. Dopo un clamoroso colpo di scena, la situazione precipita facendosi presto insostenibile.

 

spirito-allegro-dsc_5815-1030x686.jpgA settantacinque anni di distanza dal suo debutto, Spirito allegro si conferma una commedia irresistibile da cui sono stati tratti un film nel 1945, diretto da David Lean (Oscar per gli effetti speciali) e un famoso musical a Broadway nel 2009 con Rupert Everett e Angela Lansbury. Il punto di forza della trasposizione al Teatro Goldoni è anche «l’inventiva usata per raccontare il soprannaturale – spiega il regista Fabio Grossi – per una messinscena scattante e piena di ritmo: poco spazio all’attesa e più allo stupore!».

Spirito allegro
12, 13 gennaio Teatro Goldoni - Venezia
www.teatrostabileveneto.it