VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow NIGHTLIFE arrow In buca d’angolo. Ai Biliardi è una questione di qualità
In buca d’angolo. Ai Biliardi è una questione di qualità
di Redazioneweb   
img-plants-and-animals_113615648555.jpgL’underground è vivo e vegeto, se mai aveste avuto dubbi in merito… pulsa in Calle Ghetto Vecchio dove si trova il Circolo Arci Ai Biliardi, che vanta una sorprendente programmazione musicale. Quello de Ai Biliardi è un underground di echi industrial e riverberi dark folk, che strizza l’occhio ai ritmi in levare e si riassorbe in strati di rock alternative in un luogo che è quasi dimensione parallela, rifugio all night long per tutti i ‘randagi’ della desolante movida veneziana.

 

E di underground ne sa di sicuro Chris Brokaw, artista che negli ultimi vent’anni ha suonato con i migliori esponenti della scena indie a stelle e strisce, live il 9 febbraio con i suoi potenti ritmi ipnotici per la rassegna Underground Paralleli. Domenica 5 una delle voci più emblematiche del rock moderno Thalia Zedek, affiancata da Gavin McCarthy e Jason Sanford nel progetto A Band Called E.

 

Alla struggente poesia dei Radiohead e all’indie degli Arcade Fire s’ispirano i canadesi Plant and Animals, l’11 e per la prima volta in Italia; mentre il 15 Massimo Zamboni, colonna dei CSI e di una bella fetta di rock indipendente orgogliosamente nostrano, presenta un reading con incursioni musicali e visive.

 

Da non perdere: il 21 Quattro Quartetti lo spettacolo musicale di Emidio Clementi e Corrado Nuccini dei Giardini di Mirò; e il 14 Freak-Out una serata omaggio al leggendario Roberto “Freak” Antoni, scomparso tre anni fa, con la performance di Michela Calzoni e Alessandra Mostacci con poesie musicate e brani originali del folgorante leader degli Skiantos.

 

Per la rassegna km0, si segnalano invece i giovani The Young Tree (18) già alla ribalta sulla scena reggae nazionale con collaborazioni importanti, tra cui Bunna e la francese Sista Val; e ancora in pieno Carnevale, l’energia incontenibile dei Pharmakos (24); la musica d’autore di Gerardo Balestrieri (27); e la dub music dei Waterproof a chiudere il mese Martedì Grasso.

Ai Biliardi
Calle Ghetto Vecchio - Venezia
Fb: Ai Biliardi