VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow Sempre Kiarostami. Istantanee di un autore essenziale
Sempre Kiarostami. Istantanee di un autore essenziale
di Riccardo Triolo   

kiarostami.jpgSemplicità, rigore, stupore. Il cinema di Abbas Kiarostami, scomparso lo scorso luglio, sta – forse - tutto qui. Ampio come un respiro, icastico come un haiku. All'indimenticabile iraniano, Circuito Cinema dedica a marzo la retrospettiva Nel verso di un haiku, dal 2 al 30 alla Casa del Cinema, con proiezioni nel pomeriggio e in prima serata. Da Il viaggiatore, all'asciutto, neorealista Dov'è la casa del mio amico?, passando per i suoi cortometraggi, presentati da Marco Dalla Gassa, tra i primi a scrivere di lui in Italia. Fino all'ultima fatica, Qualcuno da amare.

 

Nel mezzo, molti capolavori la cui purezza formale e poeticità suonano oggi come l'antidoto perfetto al rumore di fondo che opacizza i nostri onnipresenti schermi, e spesso i nostri pensieri.

 

La simmetria aperta di Sotto gli ulivi, la riflessione poetica di Close up, la dolente saggezza de Il sapore della ciliegia e Il vento ci porterà via, che insistono a restituire allo spettatore un calco del tempo, nella fissità struggente delle inquadrature, nella scelta iterata del carrello, o delle soggettive dall'interno automobili, consegnano sempre allo spettatore l'onere di completare il quadro. O di lasciarlo aperto, libero come un taglio di Fontana o un paesaggio di Constable.

 

L'apertura della storia, spesso scarna, simbolica, iscritta nel rigore dello sguardo fotografico di questo grande maestro di un cinema concreto e spirituale, completa nello spettatore il proprio messaggio poetico, ridisegnando di fatto il circuito della significazione cinematografica. Il cinema di Kiarostami parla agli occhi, anche quando restano chiusi o ciechi. Riformula il loro linguaggio associativo, attrattivo. Consente di ammirare ancora, anche con i nostri occhi feriti, l'irriducibile incanto del mondo. Di godere, col nostro respiro affannoso, della significativa pregnanza del tempo.

«Nel verso di un haiku. Omaggio ad Abbas Kiarostami»
2, 7, 8, 9, 14, 16, 21, 23, 28, 30 marzo Videoteca Pasinetti
www.comune.venezia.it/cinema