VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow 10. INCROCI DI CIVILTÀ | Al via il Festival internazionale di Letteratura
10. INCROCI DI CIVILTÀ | Al via il Festival internazionale di Letteratura
di Loris Casadei   

chabonphotocredit-benjamin-tice-smith-1-1479922099.jpg

 

Giunge al decimo anniversario Incroci di Civiltà. Lontani i tempi in cui un manipolo coraggioso di docenti si lanciava in un’avventura: portare a Venezia i migliori scrittori di ogni parte del globo per farli dialogare tra loro e con il pubblico sulla loro specifica visione del mondo. La denominazione iniziale era Incontri di Civiltà poi variato in Incroci per sottolineare un legame più profondo, una compenetrazione delle diverse voci.

 

Rigorosamente di natura non commerciale, la scelta degli autori è affidata ai docenti di letteratura e di lingue di Ca’ Foscari e i principi guida sono la qualità dello scritto dal punto di vista letterario e la capacità dei romanzi di far riflettere su temi vitali nella situazione odierna.

 

L’attualità e la convinzione che la buona letteratura sia «una delle espressioni ultime e più vere del bisogno di pace, democrazia e umanitá» - come sottolinea Flavio Gregori, prorettore alle Attività e Rapporti culturali dell’ateneo veneziani - restano una costante anche per l’edizione 2017.

 

Spirito della manifestazione ribadito poi da Pia Masiero, direttrice del Festival convinta che «Le nostre identitá individuali, quelle collettive, non solo sono contenute e amplificate dalle storie che raccontiamo di noi, ma dipendono e sono costruite da esse».   Noi esseri umani non siamo forse cercatori di storie? Dobbiamo morire e vogliamo sempre trovare un senso alle nostre esistenze.

 

Le storie ci aiutano perché creano vite. Nulla sta fermo, è un chiedersi sempre: e dopo? Non a caso ad emblema dell’edizione di quest’anno viene ricordato Il ritorno di Hisham Matar (in scena sabato 1 aprile), in cui l'autore, di famiglia libica ma nato negli Stati Uniti, si interroga su cosa significhi appartenere ad una famiglia, ad una tribù, ad un Paese e si vede novello Telemaco che attende Ulisse, ma non ne ricorda neppure più le fattezze.

  charlotte-rampling.jpg

Le contaminazioni sono tante e programmatiche, il cinema in primis, che già aveva visto lo scorso anno un Peter Greenaway in forma smagliante e un’anteprima di un film restaurato (Inferno). Quest’anno lo scrittore haitiano Dany Laferrière dialoga con l'attrice inglese Charlotte Rampling nell’appuntamento conclusivo della rassegna. Il loro ultimo film Verso il Sud lo abbiamo visto nel 2005 a Venezia. Ovviamente il difficile incontro tra due culture al centro della trama.

 

Venerdì 31 marzo appuntamento serale al Teatrino di Palazzo Grassi con un omaggio al regista iraniano Abbas Kiarostami e alcuni suoi corti accompagnati da poesie scritte durante le riprese. Atteso il ritorno di Cees Nooteboom, scrittore olandese tra i più amati, considerato un profeta per la luciditá politica nell'anticipare eventi futuri leggendo e interpretando i dati del presente. Abile conferenziere, più volte candidato al Nobel, lo sentiremo nel pomeriggio del 31 marzo all'auditorium Santa Margherita, intervistato da Sebastiano Triulzi de «La Repubblica».

«10. Incroci di Civiltà»
29 marzo-1 aprile 2018

vari luoghi a Venezia
www.unive.it

 

#SAVETHEDATE

 Mercoledì 29 marzo
h. 17.30

Teatro Carlo Goldoni
Inaugurazione
Conversazione tra Michael Chabon, Vikram Seth e Abraham B. Yehoshua, sull’importanza della letteratura per il mondo di oggi

 

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo