VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow 10. INCROCI DI CIVILTÀ #Day1, 30 March
10. INCROCI DI CIVILTÀ #Day1, 30 March
di Redazioneweb   

GIOVEDÍ 30 MARZO 2017

 

gabrielaadamesteanu.jpgFondazione Querini Stampalia h. 10

Gabriela Adameşteanu conversa con Roberto Merlo — Università degli Studi di Torino


Gabriela Adameşteanu (Târgu Ocna – Romania, 1942)
Laureata in Letteratura a Bucarest, ha lavorato alla rivista «22» e al relativo supplemento letterario. Nel 2002 riceve l’Hellmann-Hammett Grant, un premio per scrittori perseguitati per ragioni politiche. Le sue opere affrontano il tema del rapporto fra il destino individuale e la storia, e sono state tradotte in 15 paesi./ Adameşteanu  earned a degree in Literature from the University of Bucharest. She worked at 22, a political and cultural periodical. In 2002 she received the Hellman-Hammett Grant award, a grant for writers who have been victims of political persecution. Her works deal with the theme of the relationship between individual destiny and history and have been translated in 15 countries.
* Verrà il giorno (Cavallo di ferro, 2012)

 

 

 

patrikourednik.jpgFondazione Querini Stampalia h. 11.30
Patrik Ouředník e Giorgio Pressburger conversano con
Alessandro Catalano — Università degli Studi di Padova
Tiziana D'Amico — Università Ca’ Foscari Venezia
Alessandro Mezzena Lona – Editore e scrittore

Patrik Ouředník (Praga, 1957)
Si trasferisce in Francia nel 1984, ove collabora con diverse riviste, fra cui «L’Autre Europe», «La Nouvelle alternative» e «Lettre international». Ha tradotto numerosi classici della letteratura dal ceco al francese e viceversa. La sua opera più conosciuta è Europeana. Breve storia del XX secolo (2001) che ha vinto numerosi premi, tra cui il Prix Médicis Étranger (2004)./ Ouředník moved to France in 1984 where he worked with several periodicals such as L’Autre Europe, La Nouvelle Alternative, and Lettre International. He translated several literary classics from Czech into French and vice-versa. His most acclaimed work Europeana: A Brief History Of The Twentieth Century (2001) has won several awards, such as the 2004 Prix Médicis Étranger.
* Europeana. Breve storia del XX secolo (Quodlibet, 2017)

giorgiopressburger.jpg
Giorgio Pressburger (Budapest, 1937)
Pressburger si è rifugiato in Italia nel 1956, dopo l’invasione sovietica dell’Ungheria. Figura importante nel panorama culturale italiano e internazionale, è stato assessore alla Cultura a Spoleto – sede del Festival dei Due Mondi – e direttore dell’Istituto italiano di cultura a Budapest. Nel 1998 vince il Premio Viareggio con La neve e la colpa, mentre nel 2003 si aggiudica il Premio Mondello con L’orologio di Monaco./ Pressburger sought refuge in Italy after the Soviet invasion of Hungary in 1956. An important figure in the Italian and international cultural scenes, he has been director of the Italian Cultural Institute in Budapest. In 1998, he won the Viareggio Prize with his short-story collection Snow And Guilt.


* Don Ponzio Capodoglio (Marsilio, 2017)

 

 

natsuokirino.jpgFondazione Querini Stampalia h. 14
Natsuo Kirino
conversa con
Gianluca Coci — Università di Torino


Caterina Mazza — Università Ca' Foscari Venezia

 

Kirino Natsuo (Kanazawa, 1951)
Affermata scrittrice contemporanea, il suo stile non convenzionale è stato spesso affiancato ai romanzi hard-boiled americani. Nel 1993 si aggiudica il premio Edogawa Ranpo con il romanzo Pioggia sul viso. Le quattro casalinghe di Tokyo ha portato l’autrice alla fama internazionale./ A successful Japanese contemporary writers, her unconventional style is often compared to American hard-boiled crime stories. In 1993, she has been awarded the Edogawa Ranpo Prize for her novel Rain Falling On My Face. Out has been her largest success internationally.
* La notte dimenticata dagli angeli (Neri Pozza, 2016)



simona_vinci.jpgFondazione Querini Stampalia h. 16

Simona Vinci
e Ayelet Waldman conversano con
Chiara Valerio — scrittrice

 

Simona Vinci (Milano, 1970)
Esordisce nel 1997 con il romanzo Dei bambini non si sa niente, con il quale si aggiudica nel 2000 il Premio Elsa Morante Opera prima. L’opera ottiene un grande successo e viene tradotta in 12 paesi. Scrive per vari quotidiani nazionali ed è autrice di programmi televisivi e radiofonici, fra cui Cenerentola (2000) su Rai 3 e Milonga Station (2006), scritto e condotto con Carlo Lucarelli./ Vinci made her debut as a writer in 1997 with the novel A Game We Play (1999), which won her the Elsa Morante Prize for best first work in 2000. The novel became a huge success and has been translated and published in twelve countries. She writes for national newspapers and she is the creator of several television programs.
* La prima verità (Einaudi, 2016)
ayeletwaldman.jpg
Ayelet Waldman (Gerusalemme, 1964)
Vive in Canada e negli Stati Uniti, dove consegue la laurea in Legge presso l’Harvard University. Dopo una lunga esperienza lavorativa come avvocato e successivamente come docente di Diritto alla University of California, la Waldman decide di dedicarsi alla scrittura ed è oggi conosciuta principalmente per le sue opere sul tema della maternità./ The Waldman family moved to Canada and then to the United States, where the author earned a degree in Law at Harvard. After a long career as a lawyer and teaching law at the University of California, she decided to devote herself to writing and is known for her works on the theme of maternity.
* La ragazza del treno d’oro (Rizzoli, 2013)

 

abrahamyehoshua.jpg 

 

Fondazione Querini Stampalia h. 18
Abraham B. Yehoshua
conversa con Emanuela Trevisan Semi — Università Ca’ Foscari Venezia

 

Abraham B. Yehoshua (Gerusalemme, 1936)
Scrittore, drammaturgo, saggista e professore di Letteratura comparata e Letteratura ebraica presso l’Università di Haifa, ha insegnato anche a Harvard, Chicago e Princeton. Dal 1963 al ‘67 vive a Parigi, dove ottiene l’incarico di Segretario Generale dell’Unione Mondiale degli Studenti Ebrei. Fra le sue opere più acclamate, Cinque stagioni (1987) e Il signor Mani (1990)./ Writer, playwright, essayist, professor  of Comparative Literature and Jewish Literature at the University of Haifa, he also taught at Harvard, Chicago and Princeton. From 1963 to 1967 he lived in Paris, where he was designated General Secretary of the World Union of Jewish Students. His most praised works are: Five Seasons (1987) and Mr. Mani (1989).
* La comparsa (Einaudi, 2015)

 

 

michaelchabon.jpgT Fondaco dei Tedeschi, Rialto h. 21
Michael Chabon
conversa con
Shaul Bassi — Università Ca’ Foscari Venezia


Mattia Ravasi — University of Reading

Michael Chabon (Washington, 1963)
Una figura di spicco della letteratura americana contemporanea. Scrittore di romanzi e racconti nonché sceneggiatore e saggista, tra le sue opere più importanti ricordiamo il caso letterario I misteri di Pittsburgh, romanzo d’esordio, e Le fantastiche avventure di Kavalier e Clay, vincitore del Pulitzer (2001). Chabon è un autore prolifico nei generi più disparati, dall’horror al fantasy al poliziesco./ A prominent figures in contemporary American literature, he wrote novels, short stories, children’s fiction and picture books. Among his most important works are his acclaimed debut novel The Mysteries of Pittsburgh and the Pulitzer-winning The Amazing Adventures of Kavalier & Clay (2001). He has written fiction in a variety of genres, including horror, fantasy and mystery.
* Wonder Boys (Rizzoli BUR, 2016)