VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow BIENNALE ARTE 2017 | Tempi contemporanei. Carlo Giordanetti e la passione per l’arte di Swatch
BIENNALE ARTE 2017 | Tempi contemporanei. Carlo Giordanetti e la passione per l’arte di Swatch
di Mariachiara Marzari   
sd02_13_baselworld_planet_-copy-616x497.jpgDa sempre Swatch ama portare l’arte tra la gente. Partner principale della 57. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia per la quarta edizione consecutiva, la casa orologiera svizzera si rivolge ancora una volta ad un pubblico internazionale entusiasta.
Nelle parole di Carlo Giordanetti, direttore creativo di Swatch, a cui abbiamo chiesto di presentarci Swacth Faces 2017, l’entusiasmo diventa energia pura.

 

Swatch e l’arte contemporanea. Come è nata la passione della Casa Svizzera per l’arte e come si è sviluppata in questi anni?
La collaborazione tra Swatch e l’arte contemporanea è nata fin da subito, dalla mente del fondatore del marchio Nicolas G. Hayek, il quale ha sempre visto negli artisti quegli spiriti liberi capaci di interpretare la realtà e provocare con la curiosità e l’energia di chi sa innovare di continuo. Dal primo progetto presentato al Centre Pompidou nel 1984 la collezione di Swatch Art Specials, in edizioni limitate e numerate, si è arricchita negli anni di nomi prestigiosi rappresentanti di tutte le discipline artistiche: da Nam June Paik a Sam Francis, da Robert Altman ad Akira Kurosawa, da Philip Glass a Phil Collins, da Mika ad Annie Leibovitz, da David LaChapelle ad Alfred Hofkunst ad Arnaldo Pomodoro e a molti altri ancora.

Per la quarta edizione consecutiva, Swatch rinnova la sua presenza come partner principale alla Biennale Arte 2017. Quali gli elementi fondamentali contraddistinguono questa partnership?
La parola chiave è «condivisione»: per Swatch la Biennale Arte è l’occasione più internazionale e prestigiosa per raccontare il nostro percorso accanto all’arte. Con il titolo Swatch Faces siamo presenti ai Giardini e all’Arsenale raccontando storie di artisti e della loro visione del mondo. Il dialogo con gli artisti è ispirazione, fonte d’ossigeno e un fantastico canale per aprire la mente.

Ai Giardini, da qualche anno Swatch presenta un progetto speciale realizzato con un artista di fama internazionale. Chi è il protagonista per il 2017?
Ian Davenport, ossia colore, vibrazioni, energia. Un linguaggio che ci ha subito colpiti e affascinati. Ma anche una grande sfida per un artista abituato a “pensare in grande”, quella di confrontarsi con un oggetto così ‘piccolo’ come Swatch. Dalla tensione di questa sfida, da un dialogo a colori fatto di simpatia e di attenzione ai dettagli, dalla voglia di raccontare una storia anche profonda e di emozionare nasce Wide Acres of Time, un orologio in edizione limitata a 1966 pezzi, ma anche un’opera monumentale che investe i Giardini di colore, di dinamismo, di poesia in un ritmo quasi musicale. Un nuovo progetto che dichiara a voce alta che “Swatch loves Art”.

artist-ian-davenport-in-h-014.jpgAll’Arsenale il progetto Swatch Art Peace Hotel di Shanghai. Quali artisti e quali progetti sono stati scelti?
Nel 2011 nasce a Shanghai lo Swatch Art Peace Hotel, il progetto che oggi più di ogni altro racconta la passione di Swatch per l’arte e gli artisti. Qui, oggi, all’Arsenale è il cuore del nostro ‘racconto’. Swatch Faces presenta Faces & Traces: in mostra i lavori di quattro fra gli artisti residenti a Shanghai, quattro talenti che ci hanno emozionato per la qualità estetica e la narrativa del loro lavoro, per la capacità di farci riflettere e di raccontarci una storia appassionante. Sono i portabandiera ideali degli altri oltre 250 artisti finora ospitati, e la loro testimonianza concreta rappresenta per noi il più bel riconoscimento alla forza del nostro progetto. Yuan Jinhua (Cina), con la sua poesia nata dalla tradizione cinese, Virginie Litzler (Francia), con le sue donne “senza volto” catturate per le vie di Shanghai, Rodan Kane Hart (Sudafrica), con le sue emozionanti maschere come mosse dal vento del destino, Cédric Van Parys (Belgio), con il suo lavoro sulle icone sociali della metropoli contemporanea: quattro espressioni diverse e complementari di una stessa energia creativa.

«Swatch art Special 2017» Giardini
«Swatch Faces» Sale d’armi B, Arsenale

fino al 26 novembre 2017

www.swatch.com | www.swatchartpeacehotel.com

 
    14|10|2017 - 28|10|2017
  • MARIE DARGENT Luci orientali
    Laboratorio Multimediale d'Arte e Conservazione Venezia

  • 21|04|2017 - 15|11|2017
  • PALAZZO CINI. LA GALLERIA – VIK MUNIZ Afterglow: Pictures of Ruins
    Palazzo Cini, San Vio, Dorsoduro 864 - VENEZIA
    Afterglow: Pictures of Ruins di Vik Muniz inaugura la stagione 2017 della Galleria di Palazzo Cini a San Vio con un omaggio alla...

  • 26|11|2017
  • PERSONAL STRUCTURE
    European Cultural Centre, Palazzo Mora, Cannaregio 3659 | Palazzo Bembo, Riva del Carbon, San MArco 4793 - VENEZIA
    La mostra è una polifionia di artisti provenienti da diverse parti del mondo, con diverse culture e di conseguenza diversi linguaggi...

  • 13|05|2017 - 26|11|2017
  • INTUITION
    Museo di Palazzo Fortuny, San Marco 3958 - VENEZIA
    Un'esposizione magnificca che riunisce artefatti antichi e opere del passato affiancati ad altre moderne e contemporanee, tutte legate ali concetti...

  • 26|11|2017
  • GLASSTRESS 2017
    Palazzo Franchetti, San Marco 2487 - VENEZIA| Berengo Exhibition Space, Campiello della Pescheria - MURANO
    Quaranta imporatanti artisti internazionali, tra cui Ai Weiwei, Jann Fabre Abdulnasser Gharem, Alicja Kwade, Laure Prouvost, Ugo Rondinone, Thomas...

  • 07|04|2017 - 27|11|2017
  • LORIS CECCHINI Waterbones
    Event Pavilion, T Fondaco dei Tedeschi, Riato, Calle del Fondaco - VENEZIA
    Le sue grandi installazioni si collocano al crocevia tra scultura, architettura e dimensione organica e confondono le percezioni dello spettatore per...

  • 09|04|2017 - 03|12|2017
  • DAMIEN HIRST Treasures from the Wreck of the Unbelievable
    Palazzo Grassi, San Samuele | Punta della Dogana, Salute - VENEZIA
    Un progetto inedito, frutto di un lavoro durato dieci anni, dell’artista britannico Damien Hirst che coinvolge per la prima volta...