VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Tra le acque e i casoni. Il Festival "Scene di Paglia" ricorda il futuro
Tra le acque e i casoni. Il Festival "Scene di Paglia" ricorda il futuro
di Chiara Sciascia   
paolini.jpgLa Saccisica è quel territorio che si estende a sud-est della provincia di Padova e a sud-ovest della provincia di Venezia nell’area delimitata dai corsi d’acqua Cornio e Brenta che ne segnano i confini su tre lati, mentre il quarto è rappresentato dalla Laguna a ridosso di Chioggia. Territorio magico e antico, dove i campi e l’acqua dominano la vita e il paesaggio, la Saccisica da nove edizioni ospita Scene di Paglia, festival dei casoni e delle acque, che torna quest’anno dal 24 giugno al 2 luglio, a portare il grande teatro e la musica tra campagna e laguna, con il sottotitolo Ricordare il futuro, un invito a guardare al domani con coraggio, costruendo a partire dal passato.

 

L’anteprima del Festival è ospitata il 17 giugno a Piove di Sacco, comune capofila della manifestazione, in Piazza Vittorio Emanuele II, con un concerto del Paolo Fresu Devil Quartet: un viaggio musicale tra Africa e Occidente attraverso il jazz, il rock e il meticcio. Il programma entra nel vivo sabato 24, con Marco Paolini che dedica a Scene di Paglia un progetto ad hoc: il Casone Ramei di Piove di Sacco fa da teatro a Maratona Numero Primo, una serata in due fasi in cui Paolini esplora il rapporto tra uomo e tecnologia. Nella prima (h.18) l’artista ripropone il suo Numero Primo. Studio per un nuovo Album; mentre nella seconda parte, del tutto inedita, Istruzioni per l’uso (h. 21.15), Paolini approfondisce i grandi temi proposti dallo spettacolo interagendo il pubblico.

 

casonesacche2.jpgDomenica 25, sempre al Casone Ramei, The hard way to Understand Each Other, della compagnia Teatro Presente, vuole raccontare l’universo interiore attraverso i corpi di cinque attori, ricercando, con ironia, quel che resta delle relazioni fisiche ed emotive nell’era digitale. A seguire, il Giulia Facco Quartet.


Il 26 giugno Farmacia Zoo:È porta alla ribalta la vicenda tragica e eroica del pugile di origine sinti Johann Trollman detto “Rukeli”, campione nella Germania nazista che da solo, ha osato sfidare la propaganda del Führer, con uno dei più geniali e potenti atti di comunicazione della storia. Martedì 27, al Casone Azzurro di Arzergrande, la svizzera Compagnia Baccalà presenta l’incantevole e stralunato PSS PSS, vincitore di 12 premi internazionali, in cui sono protagonisti due clown contemporanei. La Corte Benedettina di Legnaro, mercoledì 28, fa invece da scenario a un omaggio a Mario Rigoni Stern. Pino Petruzelli in Con il Cielo e le Selve diventa testimone dell’amore di un uomo per la propria terra, interpretando i personaggi della raccolta di racconti Uomini, boschi e api.


Vincenzo Pirrotta, il 29 giugno a Villa Ca’ Sagredo di Conselve, con la sua dirompente fisicità e la sua forza interpretativa, dona nuova vita al capolavoro di Ariosto Il Furioso Orlando, a 500 anni dalla prima pubblicazione.
Per la tradizionale tappa alla storica idrovora di Codevigo, il festival propone un doppio appuntamento: alle 20.30 il film documentario L’urlo dell’acqua, e alle 22 lo spettacolo Carmen che non vede l’ora, della Compagnia Bartolini Baronio, il viaggio di una donna alla ricerca della libertà, del proprio corpo e del proprio ruolo nel mondo.


casonsacche4.jpgSabato 1 luglio, alle Scuderie la Gardesana di Sant’Angelo, aperte per l’occasione, va in scena Lireta. A chi viene dal mare, un progetto di Mario Perrotta tratto dalla storia vera di una donna albanese avventurosamente arrivata in Italia, dal suo diario e «da altri milioni di diari non scritti». Infine, chiude il festival, il 2 luglio ai Casoni della Fogolana di Valle Millecampi (Codevigo), lo spettacolo dedicato a Chet Baker, L’angelo abietto. Un concerto di parole e suoni con l’attore Marco Sgrosso e un trio a riproporre le note del grande jazzista: Felice Del Gaudio al contrabbasso, Guido Guidoboni alla tromba, Nico Menci al pianoforte.

«Scene di Paglia 2017»
24 giugno-2 luglio 2017

nei Comuni della Saccisica tra Padova e Venezia

www.scenedipaglia.net