VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Porte aperte. A Cervinara, l'arte inclusiva di Milot
Porte aperte. A Cervinara, l'arte inclusiva di Milot
di Redazioneweb2   

img_7414.jpg

 L'artista italoalbanese Alfred Mirashi Milot con la sua scultura monumentale La chiave di Cervinara apre le porte sulla scena internazionale ad un piccolo e ridente paese della Valle Caudina. Siamo a Cervinara, in provincia di Avellino, Regione Campania, località al centro di una distesa verdeggiante tra i monti del Partenio ed il maestoso Taburno.

 

Qui il giovane Alfred Mirashi, in arte Milot, nato nel distretto di Kurbin, appena ventenne fu accolto da una comunità incline a prove di accoglienza e di solidarietà nei confronti di chi cerca altrove una svolta ad un'esistenza difficile, dando inizio ad straordinaria ascesa artistica: primeggia a Brera, espone al Maschio Angioino di Napoli, poi Firenze, Roma, Torino, Milano, Venezia sino ad approdare in Cina, destando l'interesse di famosi galleristi e musei nel mondo.

 

Nostos (in greco “ritorno”) è la rassegna artistica programmata dalla Pro Loco Cervinarese, curata da Peppino Vaccariello, sostenuta con convinzione dall'Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Filuccio Tangredi e finanziata dalla Regione Campania con fondi europei.  

 

Se a “nostos” si aggiunge un altro termine greco, “algos”, ecco spiegata l'etimologia della parola, o meglio ancora del sentimento “nostalgia”, appunto la scintilla che ha indotto l'artista ad un ritorno nella comunità della Valle Caudina per lasciare un segno del proprio legame, che si fa indissolubile attraverso l'opera donata.

 

img_7445.jpgSi tratta della scultura monumentale alta 20 metri, in acciaio corten, posizionata nella rotonda Lagno che segna l'ingresso al Paese: opera magica e gigantesca che ricorda le grandi sculture di Anish Kapoor, caratterizzate da simbologie cariche di messaggi e di speranze.

 

È una scultura, quella di Milot, destinata ad entrare nel Guinness dei Primati, come suggerito dal Sindaco Tangredi, che ha anche preannunciato la volontà di avviare la procedura la concessione della cittadinanza onoraria a Milot.

 

L'evento ha destato grande interesse nel circuito culturale, non solo nazionale: alla cerimonia di consegna allegorica della chiave erano infatti presenti il prestigioso gallerista milanese Matteo Lorenzelli e il famoso fotografo cinese Zeng Yi, concordi nel sottolineare non solo la valenza artistica dell'opera, ma il suo significativo rimando simbolico. Una chiave per aprire il cuore delle genti: una chiave che dopo l'apertura si piega, così da non essere più utilizzata per chiudere.


www.milot.it