VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow NATALE 2017 | Il grande sogno. Lo Schiaccianoci del Balletto di San Pietroburgo al Goldoni
NATALE 2017 | Il grande sogno. Lo Schiaccianoci del Balletto di San Pietroburgo al Goldoni
di Anna Trevisan   
balletto-di-san-pietroburgo-lo-schiaccianoci-1.jpgUn classico natalizio da oltre un secolo, quello che il Balletto di San Pietroburgo porta in scena al Teatro Goldoni di Venezia il prossimo 26 dicembre (doppia recita alle ore 17 e 20.30). Uno spettacolo di danza sulle punte che è fiaba incantata, con tutti gli ingredienti per piacere a grandi e piccini: regali e alberi di Natale, giocattoli animati, dolciumi e canditi, avventure e duelli, principi e fate. Tratto dal racconto di E.T.A. Hoffmann (Schiaccianoci e il re dei topi, 1816), il libretto dell’opera Lo Schiaccianoci venne scritto da Marius Petipa, celebre danzatore e coreografo francese, nonché maître de ballet del balletto imperiale di San Pietroburgo.

 

Petipa, che firmò anche la coreografia dell’opera, qui fedelmente riproposta dal Balletto di San Pietroburgo, scelse di edulcorare la storia originale, lasciando cadere i lati più inquietanti ed esaltandone l’aspetto magico-favoloso. Le musiche vennero affidate al genio del maestro russo Tchaikovsky, che le compose tra il 1890 e il 1892, introducendo per la prima volta nell’orchestra sinfonica anche uno strumento musicale chiamato “celesta”.

 

È la vigilia di Natale ed è in corso una festa. I bambini aspettano di poter scartare i regali, quando arriva il signor Drosselmeyer, che incanta tutti con giochi di prestigio, facendo comparire con la sua bacchetta magica uno schiaccianoci, un arlecchino, una bambola e un Re dei topi. Clara, la bambina protagonista di questa favola onirica, riceve in dono uno schiaccianoci a forma di soldatino, oggetto molto comune nella tradizione tedesca. Si fa mezzanotte e tutto nella stanza comincia a girare e a farsi magico: arrivano dei topolini che cercano di rubare a Clara lo Schiaccianoci.

 

5d3_2739-3-lowres.jpgCon sorpresa di Clara, lo Schiaccianoci si anima e combatte contro il Re Topo. Quando le cose si mettono male, Clara interviene in aiuto dello Schiaccianoci e lancia la sua ciabattina contro il Re Topo, che ha infine la peggio. Lo Schiaccianoci si trasforma in principe e insieme a lui Clara fa ingresso in una foresta coperta di neve. Così si conclude il primo atto, mentre la danza e la musica del Valzer dei Fiocchi di neve inondano la scena.

 

Nel secondo atto, Clara e il suo principe arrivano al Regno dei Dolci, dove incontrano la Fata Confetto. Molti i divertissements che animano l’incontro, con danze ispirate alle tradizioni spagnole, arabe, cinesi e russe, e che culminano nel celeberrimo e conclusivo Valzer dei Fiori. L’opera debuttò al Teatro Marinskij di Pietroburgo il 6 dicembre del 1892. Da allora, non ha più smesso di essere rappresentata e applaudita.

Lo Schiaccianoci
26 dicembre 2017

Teatro Goldoni - Venezia
www.teatrostabileveneto.it