VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow … e nessuno ne restò! Ricard Reguant porta a teatro il giallo più riuscito della Christie
… e nessuno ne restò! Ricard Reguant porta a teatro il giallo più riuscito della Christie
di Raffaele Avella   

dieci-piccoli-indiani-grande.jpgIl capolavoro di Agatha Christie, Dieci piccoli indiani… E non rimase nessuno!, è di scena al Teatro Toniolo di Mestre, sabato 17 e domenica 18 febbraio, per la prima volta nella storia nella sua versione originale.

 

Con il record di 110 milioni di copie, Dieci piccoli indiani (il cui vero titolo è Ten Little Niggers, tradotto poi negli Stati Uniti: And Then There Were None) è il libro giallo più venduto in assoluto al mondo e rappresenta il racconto più cupo della grande scrittrice inglese.

 

La Christie, però, quando nel 1943 stava lavorando a un adattamento del romanzo per il teatro, decise di cambiare il finale troppo drammatico con un improvvisato lieto fine.

 

Quella che invece sarà rappresentata al Teatro Toniolo, in accordo con la Agatha Christie Limited – società che cura i diritti letterari della grande scrittrice –, è la versione originale del libro con lo stesso svolgimento mozzafiato sviluppato nel 1939 dalla Christie.

 

La storia è nota: dieci sconosciuti, per vari motivi, sono invitati su un’isola deserta chiamata Nigger Island per via della sua caratteristica conformazione geografica. Il mittente degli inviti è un certo signor Owen, proprietario dell’unica abitazione presente sull’area. Gli invitati non si conoscono tra di loro e una volta arrivati scoprono che ad aspettarli ci sono solo i due domestici, che, come ognuno di loro, non hanno ancora conosciuto i proprietari della villa. Giunti nelle camere, sugli specchi trovano affissa la poesia Dieci piccoli indiani.

 

10-piccoli-indiani-catonateatro.jpgLa filastrocca parla di come muoiono, uno dopo l’altro, tutti i dieci indiani “fino a che non rimase nessuno!”. Sul centrotavola della sala da pranzo, inoltre, si trovano le statuine corrispondenti ai dieci indiani della filastrocca. Una serie di morti misteriose infonde il terrore negli ospiti dell’isola, che iniziano ad accusarsi a vicenda fino ad arrivare ad una scioccante conclusione.


In Dieci piccoli indiani Agatha Christie ha dato il meglio della sua vena narrativa perché l’assenza della figura del detective fa emergere in modo più spettacolare il rapporto fra il male e il bene. La Christie mostra al pubblico il lato nascosto delle classi borghesi e aristocratiche mischiate insieme in un’unica arena, pronte a sbranarsi per la sopravvivenza fino a diventare volgari e ordinarie. Il regista dello spettacolo, Ricard Reguant, svela che probabilmente si tratta della «classe dirigente nella società inglese in cui la stessa scrittrice vive agiatamente e dalla quale vuole evadere costringendosi a diventare lei stessa la carnefice verso i suoi personaggi».

Dieci piccoli indiani… E non rimase nessuno!
17, 18 febbraio 2018

Teatro Toniolo-Mestre
www.comune.venezia.it