VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow La farsa perfetta. Il mirabolante salto di Stivalaccio Teatro nell’universo molieriano
La farsa perfetta. Il mirabolante salto di Stivalaccio Teatro nell’universo molieriano
di Redazioneweb   

malato_stivalaccio.jpgI quattro enfant prodige del teatro popolare e della commedia dell’arte di Stivalaccio Teatro tornano a calcare i palcoscenici con la loro ultima produzione Il malato immaginario – l’ultimo viaggio, in scena al Teatro Goldoni dall’8 all’11 marzo. Liberamente ispirata alla celebre opera di Molière, Il malato immaginario è una spassosa commedia ideata e diretta da Marco Zoppello, che dopo i successi di Don Chisciotte e Romeo e Giulietta, ricrea lo stupore e l’artigianalità di racconti gremiti di personaggi, luci e oggetti in trasformazione, nelle vicende di Giulio Pasquati, commediante dell’arte finito a Parigi senza un lavoro (la compagnia si è sciolta) ma che viene scritturato al Teatro Palais Royal e diretto nientemeno che da Jean-Baptiste Poquelin, in arte Molière.

 

La data è, infatti, quella del 17 febbraio 1673 e il caso vuole che Pasquati chiami a recitare i vecchi compagni perché il Maestro e gli attori originali non sono dell’umore giusto per andare in scena. A complicare le cose ci si mettono anche la figlia di Molière, Madeleine Poquelin, che fugge dal convento nel quale era rinchiusa e le celebri ed esilaranti vicissitudini del Malato Argante, vecchio ipocondriaco che, tra purghe e salassi, va dissipando la propria fortuna. È una recita particolare, quella che si rappresenta al Palais Royal quella sera, tra i lazzi, le improvvisazioni e le maschere grottesche dei Commedianti. Personaggi classici e moderni si alternano tra la vitalità e la forza di amori giovanili – le passioni ostacolate della dolce Angelica con il giovane Cleante – cui fa da contraltare il più grande spauracchio del genere umano: la paura della fine. Il malato immaginario è un «inno alla vita, alla risata e alla bellezza, cantato dai saltimbanchi, condito di una farsa feroce, intrisa di amore per il pubblico».

 

Il malato immaginario – l’ultimo viaggio
8-11 marzo 2018

Teatro Goldoni - Venezia

www.teatrostabileveneto.it