VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow La trama e l’ordito. Matti al-Kanun in mostra a San Servolo
La trama e l’ordito. Matti al-Kanun in mostra a San Servolo
di M.M.   
mercoledì 14 marzo 2018
matti-al-kanun-artista-cristiano-siriaco-di-bartella.-foto-emanuele-confortin-2-770x375.jpgLa tela di un dipinto tagliato è uno sfregio alla civiltà, alla bellezza, all’arte. Per un pittore vedere l’ammasso di tele sporche sul pavimento, pesantemente deturpate dai pugnali dei jihadisti in nome di un’iconoclastia che coincide con l’eliminazione di qualsiasi elemento alieno alla loro ideologia, è una ferita profonda, una lacerazione irreparabile del proprio mondo.

 

Parte da qui la storia di Matti al-Kanun, artista di 74 anni, appartenente alla comunità cristiano siriaca di Bartella – città a Est di Mosul – che al pari di centinaia di migliaia di cristiani, di yazidi, di shabak sciiti, di musulmani sunniti, di curdi, di turcomanni… è fuggito con la famiglia dalla violenza che a partire dal 2014 ha sconvolto il Nord dell’Iraq.

 

Emanuele Confortin incontra Matti al-Kanun a marzo 2017. Una frase pronunciata dall’artista iracheno raccoglie il senso del lavoro che verrà successivamente sviluppato dai due: «Vorrei riavere i miei dipinti per ripararli, per ricucire quegli squarci come forma di resistenza alla guerra, alla violenza. Voglio tornare alla vita».

 

Giungono a Venezia, nell’Isola di San Servolo dal 16 marzo al 7 aprile i dipinti “salvati” di al- Kanun , affiancati dal reportage di Emanuele Confortin. Back to Life in Iraq. La testimonianza di al-Kanun e della sua famiglia, diviene così il riflesso di altre, troppe, storie simili.

 

«Back to Life in Iraq. Arte, distruzione, rinascita»
16 marzo-7 aprile 2018

Isola di San Servolo - Venezia

www.unive.it