VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Le cicatrici del tempo. Forte Marghera, laboratorio di idee per un'architettura possibile
Le cicatrici del tempo. Forte Marghera, laboratorio di idee per un'architettura possibile
di M.M.   

fort-intemporal3.png A metà strada tra un’installazione artistica e una nuova, poetica ma possibile idea di recupero di edifici abbandonati.

Fort Intemporal è il progetto site-specific di rivalorizzazione ambientale che Wendy Krochmal, artista, e Bobby Fogel, architetto, presentano nell’ambito di Design.Ve all’interno di Forte Marghera, ex fortezza ottocentesca, parte del sistema difensivo della Laguna.

 

La loro azione può essere definita “di resilienza”, un progetto che fa fronte in maniera positiva al problema degli edifici abbandonati, offrendo una possibilità di recupero creativo, non solo estetico ma anche concreto.

 

Nell’edificio diroccato e senza tetto n. 29, Krochmal e Fogel hanno deciso di rinsaldare tutte le fratture della struttura muraria, causate dal tempo e dall’incuria, ricorrendo all’antica tecnica giapponese del Kintsugi.

In questa antica arte giapponese la lacca dorata viene usata per enfatizzare le imperfezioni, le riparazioni e le cuciture, per esaltare le nuove nervature create che, grazie a queste caratteristiche, definiscono un oggetto o, in questo caso, un luogo, rendendolo unico e irripetibile, donandone una nuova immagine e una nuova vita.

 

A Fort Intemporal la lacca dorata del Kintsugi è stata sostituita da una miscela di frammenti di vetro di Murano color topazio e dorato, incastonati nelle crepe del pavimento e delle pareti. Il nobile colore del vetro enfatizza le fenditure, senza cercare di ripararle, mostrando l’abbandono ma al contempo indicando una strada possibile al recupero. L’abbandono non rappresenta così più la fine dell’edificio, le sue fratture diventano trame preziose, ognuna con la propria bellezza da esibire, proprio grazie all’unicità delle crepe.

 

Krochmal e Fogel offrono in questo modo una prospettiva ai luoghi abbandonati e al contesto della Biennale Architettura, una riflessione sul tempo e sulla memoria degli edifici.

 

 

«Fort intemporal»
Fino 26 novembre

Forte Marghera-Mestre
www.designve.org