VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow MUSICA arrow SUMMER MUSIC FESTIVALS | Ad ogni latitudine, un'estate a tutta musica
SUMMER MUSIC FESTIVALS | Ad ogni latitudine, un'estate a tutta musica
di Redazioneweb2   

botanique.jpg

 

BO.TANIQUE
Fino al 21 luglio
Giardini di Via Filippo Re-Bologna
www.botanique.it

Avviata a giugno, prosegue la nona edizione del BO.tanique, cinque settimane di concerti e rassegne varie ed eventuali nel giardino di Via Filippo Re, nell’area universitaria di Bologna. Dal rap indie di Frah Quintale all’ethio-jazz di Mulate Astatke, padre di un genere che fonde influenze etiopi, latinoamericane e improvvisazione jazzistica, dai pezzi reggae e rock italiani e non riarrangiati in chiave ska dai The Bluebeaters alla Taranta Night salentina con gli Original Mascarimirì. Il 10 luglio, chitarra e vino alla mano, è Joe Bastianich a raccontarsi al pubblico in Vino Veritas. Il progetto JoyCut sarà protagonista l’11 luglio, in attesa della partecipazione come headliner al 25esimo anniversario del Meltdown Festival a Londra, su invito del suo direttore artistico Robert Smith, leader dei Cure.

 

Gioca in casa il bolognese Godblesscomputers, per poi a seguire Bobo Rondelli, Dan Owen, fino alle sonorità africane, a tinte electro-pop, di Témé Tan, e all’allegra fanfara dell’Eyo’nlé Brass Band (‘rallegriamoci’ in yoruba) con gli Africa Unite al giro di boa. Giorgia Scarpa


 

castello.jpgCASTELLO FESTIVAL

Fino al 9 settembre
Castello Carrarese-Padova
www.venetojazz.com

Un festival attraversa l’estate padovana e anima la piazza d’armi del Castello Carrarese: concerti di musica leggera e classica, opera lirica, reading, danze, teatro e altro ancora in un cartellone di qualità, capace di parlare a un pubblico eterogeneo e che riunisce artisti provenienti dall’Italia e dall’estero. Il Castello Carrarese, uno dei più importanti beni storici e architettonici di Padova, è da oltre un decennio al centro di uno straordinario e complesso progetto di restauro che ne interessa la struttura e gli affreschi trecenteschi, con l’obiettivo di farlo diventare un importante polo culturale della città. Il 29 giugno è stato Gino Paoli a inaugurare il festival, seguito poi da Ute Lemper che il 15 luglio porterà in scena una summa della propria carriera, uno straordinario spettacolo di tanghi da tutto il mondo, in spagnolo, portoghese, francese, tedesco e inglese. Massimo Bubola ad agosto (9) si inserirà poi tra concerti di classica e rappresentazioni teatrali.

 

ferrara.jpg

FERRARA SOTTO LE STELLE

Fino al 17 luglio
Vari luoghi a Ferrara
www.ferrarasottolestelle.it

L’estate ferrarese anche quest’anno si veste di musica, offrendo ad autoctoni e non un ricco calendario di appuntamenti che abbracciano da parte a parte il panorama rock e della musica indipendente. Dal ’96 la città Estense si è distinta in Italia per la capacità di proporre un’offerta variegata ma omogenea in fatto di qualità, dando spazio tanto a icone del mondo musicale quanto a giovani talenti nascenti e non meno meritevoli. La 23esima edizione del Festival può godere del timbro dolce ed etereo di Greg Gonzalez, frontman dei Cigarettes After Sex (9 luglio): il loro nuovo album omonimo, uscito nel 2017, non ha deluso le aspettative degli appassionati, oltre ad attirare nuovi proseliti.

 

La notte del 17, invece, è tutta per i Kasabian con il loro nuovo album, For crying out loud, già certificato Disco d’Oro in patria. La band di Leicester – e ormai accolta come a casa a ogni latitudine – torna a Ferrara sulla scia di un tour estivo internazionale. You’re In Love With A Psycho, primo singolo estratto dall’album, ha già raggiunto i 31 milioni di ascolti su Spotify. Giorgia Scarpa

azzano.jpg

 

FIERA DELLA MUSICA
27-29 luglio
Centro Sportivo-Azzano Decimo
Fb: Fiera della Musica

Il 27 luglio, dalla Giamaica all’Italia, il reggae si presenta nella sua coniugazione originaria con i The Wailers, storica band di supporto di Bob Marley e in una sua più recente declinazione con il raggamuffin hip hop dei BoomDaBash. Il 28 si cambia musica, con il Kombat folk – da loro definizione – dei Modena City Ramblers, accanto alla pordenonese Asia Sagripanti e al cantautorato indie di Maria Antonietta, artista di punta de La Tempesta Dischi già dai suoi esordi pop-punk. Ancora canzone d’autore il 29 con Erica Boschiero, per un repentino passaggio al post-punk e new wave di Giovanni Lindo Ferretti, paroliere dei CCCP e ‘fedele alla linea’ anche nelle varie successive rifondazioni. Giorgia Scarpa

folkest.jpg

 

FOLKEST
Fino all’8 agosto
Vari luoghi in Friuli
www.folkest.com

Provengono da tutto il pianeta gli artisti che, come ogni estate ininterrottamente da quantant’anni, occupano i numerosi palchi di Folkest, per un totale di 26 Comuni del Friuli Venezia Giulia. Una carovana multicolore che si sposta di villa in villa, di castello in castello, da un borgo rustico all’altro visitando luoghi della memoria e valorizzando tutta quella musica che, al di là dall’essere tecnicamente folk, world, jazz o cantautorale, pura o contaminata, sappia dare voce alle radici culturali di qualsiasi parte del mondo, chiedere a Shel Shapiro il 20 luglio a Capodistria. Il festival si chiude ‘epocalmente’ nella capitale del Friuli, Udine, che accoglie l’evento principale di Folkest e uno degli appuntamenti clou dell’estate non solo friulana: uno dei quattro concerti italiani della tournée che vedrà l’addio alle scene di Joan Baez, in scena l’8 agosto.

 

 

home.jpgHOME FESTIVAL
29 agosto-2 settembre
Zona Dogana-Treviso
www.homefestival.eu

La line-up della nona edizione prevede un paesaggio sonoro per i palati più esigenti dell’indie rock. Quarantacinque gli artisti che si alterneranno sul palco di “casa”: White Lies, The Wombats, Nic Cester con The Milano Elettrica, The Prodigy, Incubus, Mellow Mood, i Ministri con il fresco d’uscita Fidatevi, Caparezza, Motta e molto, molto altro. Basti citare gli apripista del Day-One: approdano in Italia per l’ultima data del loro tour mondiale gli alt-J, la band inglese che dal 2012 si è imposta nel panorama indie rock con il suo stile eclettico, schiuso a ogni porta che l’estro voglia varcare. Il nuovo album, Relaxer, si presenta come un lavoro compatto di soli 8 brani fruibili come entità singole, senza la trafila di intro caratteristica dei due lavori precedenti.

 

«I just want to love you in my own language» cantano in 3WW: che ne abbia o meno compreso del tutto le linee, gli snodi e gli strappi, il pubblico ha apprezzato eccome il linguaggio degli alt-J, e non potrà che amarlo sotto il cielo della notte trevigiana. Dopotutto, “home is where the heart is”. Giorgia Scarpa

nash.jpg

 

I SUONI DELLE DOLOMITI
Fino al 31 agosto
Vari luoghi in Trentino
www.isuonidelledolomiti.it

Pochi possono vantare la straordinaria carriera di Graham Nash. L’ospite della rassegna il 30 giugno ha di fatto contribuito da protagonista assoluto a creare la storia del rock, prima con gli Hollies, quindi in quel gruppo fondativo della West Coast che risponde alla sigla CSN&Y, con i sodali Crosby, Stills e Young. Se il buongiorno si vede dal mattino, l’edizione 2018 si conferma per l’ennesima volta un unicuum a livello nazionale ed internazionale, portando artisti di altissimo livello in luoghi ad altrettanta altissima quota: Paolo Fresu (29/7), Peppe Servillo e Fabrizio Bosso (3/8), Teresa Salgueiro (28/8), Grant Lee Philips (7/8) come e dove non li avete mai visti né sentiti, tra quinte naturali e teatri a cielo aperto in cui musica classica, jazz, world music e canzone d’autore si arricchiscono di sfumature inedite. Davide Carbone

 

 

jamrock.jpgJAMROCK FESTIVAL
18-22 luglio
Park Farini-Vicenza
www.jamrockfestival.it

Forte del successo delle passate edizioni – si parla di oltre dodicimila visitatori nel 2017 – Jamrock Festival torna per il terzo anno consecutivo al Park Farini di Vicenza e rilancia aggiungendo una giornata al programma che promette tanta musica live, le più golose specialità di street food dal mondo e una nuova rassegna dedicata alla street art nelle sue più diverse accezioni, con performance di artisti, writers, illustratori e spettacoli di video-mapping. Il cartellone musicale esibisce artisti italiani e internazionali di primo livello, come la fenomenale New York Ska Jazz Ensemble, acclamata in tutto il mondo per il mix di ska, reggae, jazz e rocksteady: l’amalgama ideale per dare il via alle danze del Jamrock 2018. In tour con il nuovo album, Gioventù brucata (2017), l’irriverente band bergamasca dei Pinguini Tattici Nucleari è l’headliner della seconda serata, giovedì 19.

 

Venerdì è il turno dell’acclamato artista torinese Willie Peyote che, con l’ironia delle sue rime e la raffinatezza delle sue scelte musicali a metà tra rap e cantautorato, ha saputo conquistare un pubblico trasversale scalando le classifiche e incantando la critica. Dopo una carrellata di sold out in patria e il successo del tour culminato con il tutto esaurito nel leggendario Olympia di Parigi, i Deluxe scelgono il Jamrock come unica tappa estiva nel nostro Paese, per regalare al pubblico italiano un live emozionante, energia pura per il corpo e per la mente. Per il gran finale, attesissimi i maestri del raggamuffin salentino, Sud Sound System, a presentare Eternal Vibes, decimo album di una straordinaria carriera. C.S.

 

majano.jpgFESTIVAL DI MAJANO
21 luglio-15 agosto
Area Eventi-Majano
www.promajano.it

Dopo aver infiammato i palchi di mezza Penisola lo scorso anno, i Gogol Bordello, la band gypsy punk più amata al mondo, torna a grande richiesta nel nostro Paese per quattro imperdibili concerti. Eugene Hütz e compagni saranno i grandi protagonisti della storica rassegna musicale, culturale e gastronomica che da oltre mezzo secolo richiama nella cittadina collinare del Friuli Venezia Giulia decine di migliaia di visitatori ogni estate. L’appuntamento con la loro onda energetica è fissato per domenica 22 luglio, loro unico concerto nel Nordest in questo 2018. Quattro giorni sarà la volta dei Negrita, che dopo tre affollati concerti nei palazzetti di Roma, Bologna e Milano, proseguono il tour di lancio del loro Desert Yacht Club.

 

 

marostica.jpgMAROSTICA SUMMER FESTIVAL
5-21 luglio
Piazza Castello-Marostica
www.marosticasummerfestival.it

Per ingannare l’attesa della Partita a scacchi di Piazza Castello, Marostica propone anche quest’anno il suo Summer Festival. La quarta edizione disporrà di una platea, di una tribuna, di un led wall e soprattutto di ottima musica. Il 5 luglio a calcare il palco sarà una delle band iconiche degli anni ’80 e ’90, i Simple Minds, a presentare Walk Between Worlds, ultimo album uscito il febbraio scorso. Si prosegue lunedì 9 con Ringo Starr e la All Starr band: il loro Give More Love, dai toni anni ’50, conta collaborazioni con Paul McCartney e Joe Walsh. E, a proposito di Beatles, il 12 luglio sul pavimento a scacchi spazio al ragazzo loro amante per eccellenza: Gianni Morandi con il quarantesimo album di inediti D’amore, d’autore a coronare una carriera più che cinquantennale che ha segnato la storia della musica italiana.

 

Al Festival ancora musica di casa: il 13 con Riki, cantautore milanese che dal suo debutto ad Amici ha già collezionato un Ep (Perdo le parole) e un album (Mania), oltre a popolarissime hit estive e non, e il 16 con Fabrizio Moro, che a giugno ha avverato il suo sogno di suonare all’Olimpico di Roma, stadio in cui ha scelto di aprire il suo tour in giro per l’Italia. Giorgia Scarpa


miraonair.jpgMIRA ON AIR

18-22 luglio
Parco Villa dei Leoni-Mira
Fb: Mira On Air

Mira On Air si riappropria del Parco Villa dei Leoni per dare spazio ai protagonisti della scena indipendente italiana. Arriva certo prima della Mezzanotte Ghemon, con questo suo ultimo album, il 18, insieme all’indie-pop elettronico di CRLN, al secolo Carolina Guidi. In bilico il 19: un piede nell’alternative rock dei Bud Spencer Blues Explosion, l’altro nel jazz d’avanguardia de Gli Sportivi. Miki e Alex si presentano nella nuova veste di Santii, una fenice altra dall’elettronica di M+A, il precedente progetto; con loro gli YOMBE, duo electro-pop di Alfredo Maddaluno e Cyen.

 

Il 21, a scapito del nome, è Colapesce ad emergere dalle acque dell’indie, al fianco di Delmoro, il giramondo di Tolmezzo. Se ancora non siete saturi di musica e birre, una serata con La Notte e il nuovo album Volevo fare bene, e Iacampo, ex Goodmorningboy, il 22. Giorgia Scarpa

 

 

 

mirano.jpegMIRANO SUMMER FESTIVAL
Fino al 27 luglio
Campi Sportivi-Mirano
miranosummerfestival.it

L’Associazione Volare nasce nel 2007 su iniziativa di un gruppo di amici residenti a Mirano, con l’idea precisa di offrire ai cittadini miranesi e limitrofi l’opportunità di trascorrere alcune serate in compagnia, ascoltando della buona musica e gustando alcuni piatti tipici della nostra cucina tradizionale. E la risposta della comunità è stata da subito forte e chiara, con un successo di pubblico che ogni anno fa vibrare la città di impulsi rock, pop, funk, reggae e chi più ne ha più ne metta. Il 6 luglio è Steve Hackett in persona a portare sul palco la leggenda Genesis, mentre la chiusura del 27 è affidata al rock dei Negrita. Nel mezzo, tribute band di Coldplay e AC/DC, Pink Floyd, Ligabue, ABBA e U2. Daniele Pennacchi

 

noborders.jpegNO BORDERS MUSIC FESTIVAL
28 luglio-6 agosto
Vari luoghi in provincia di Udine
www.nobordersmusicfestival.com

Editors, Joss Stone, Parov Stelar, Vinicio Capossela, Carmen Consoli: questo ci si è goduti nel 2017 nelle diverse sedi di un festival che negli anni si è conservato diffuso, ma allo stesso tempo racchiuso in un bozzolo di altissima qualità, a travalicare i confini dei diversi generi musicali. Anche quest’anno la rassegna raccoglie la sfida di mantenere alta, altissima l’asticella: Kruder & Dorfmeister celebrano il loro anniversario il 28 luglio con uno speciale dj-set spalla a spalla, come agli esordi, supportati dai visual di “lichterloh tv”, il sofisticato team di video-arte del duo elettronico austriaco HVOB.

 

Ad agosto, l’11, l’appuntamento è con Ben Harper in un ‘solo’ voce e chitarra ai Laghi di Fusine, per quello che si annuncia uno dei momenti più suggestivi dell’estate musicale a livello europeo, a contatto con un artista che ha sempre tenuto in grande considerazione i confini, ma solo per superarli di slancio. Il 4, 5 e 6 agosto, al Rifugio Gilberti, Omar Pedrini e Brunori Sas ci faranno tirare un bel sospiro di sollievo sullo stato di salute del cantautorato italiano… Davide Carbone

 

 

overjam.jpgOVERJAM FESTIVAL
10-15 luglio
Tolmin, Slovenia
www.overjamfestival.com

Una manciata di chilometri oltre il confine sloveno, incorniciata dalle montagne e delimitata dal corso dei due fiumi Tolminka e Soca, si trova Sotocje, località di Tolmino che ospita da sette edizioni l’Overjam Reggae Festival, entrato a pieno titolo nella rosa dei 10 maggiori festival reggae europei. Immerso nella natura, con camping a disposizione, due spiagge private sulle rive dei fiumi e una kids area con servizio babysitting, l’Overjam è la meta ideale per gli amanti della musica in levare, che il festival attraversa in tutte le sue sfumature e sottoculture, dallo ska alla jungle, dal dub alla dancehall. Tra gli artisti sul palco dell’edizione 2018 attesissimo il primogenito di Bob Marley, Ziggy, che torna finalmente in tour in Europa dopo una lunga assenza e una serie di nuovi album pubblicati.

 

Tra gli headliner del mainstage anche Protoje, accompagnato dall’immancabile Indiggnation band a presentare il nuovissimo A Matter Of Time, suo quarto album uscito lo scorso 29 giugno, a tre anni di distanza da Ancient Future, e prodotto da Winta James. Nella sterminata programmazione che riempie i cinque giorni del festival spiccano anche i ‘nostri’ Mellow Mood, orgoglio italiano nel mondo red, gold & green, in tour con il nuovo album Large, il quinto in studio, pubblicato Tempesta Dub, che arriva finalmente a tre anni da 2 the World. Grande attesa anche per i New Kingston, family band con base a Brooklyn, capace di mixare la propria cultura ed eredità giamaicane con il sound urbano e contemporaneo della natia New York, confezionando un progressive reggae innovativo e irresistibile. C.S.

pamali.jpgPAMALI FESTIVAL
10-15 agosto
Passo San Boldo
www.pamali.it

Nella loro lunga storia gli Asian Dub Foundation hanno condiviso il palco con artisti del calibro di Rage Against The Machine, The Cure e Radiohead: un appeal trasversale e universale per un gruppo semplicemente unico e sempre al passo con i tempi, portatori di un sound che è combinazione di ritmi jungle, struggenti sitar e samples indiani, supportati da liriche militanti sparate nello stile furioso e veloce del rap e del reggae. Sono loro, il 12 agosto, la portata più succulenta del festival di Passo San Boldo, in un live set che promette di mettere a ferro e fuoco i palchi di tutto il mondo.

 

Di certo non soffriranno di solitudine: The Atom Tanks (14), Lehmanns Brothers (13) e Dadi Etro (12) tengono ben alta la bandiera del Pamali, acronimo di “Pace, Amore e Libertà”, parole adottate per descrivere uno spazio in cui fondere arte e musica, sperimentazione, partecipazione e valorizzazione del territorio.

 

risorgimarche.jpgRISORGIMARCHE
1 luglio-2 agosto
Vari luoghi nelle Marche
www.risorgimarche.it

Alla base c’è la voglia e la speranza di ricostruire un futuro per i commercianti e l’economia locale, per andare avanti e ricostruire ciò che le persone del luogo hanno perso. E la musica, come sempre, unisce tutti. Il programma spazia da Piero Pelù, apripista che inaugurerà la nuova edizione il primo luglio, a Neri Marcorè, che chiuderà il due agosto, tra gli ideatori della rassegna. I concerti si tengono in diverse città comprese tra Teramo, Ascoli Piceno e Macerata: una scusa per godersi i verdi prati e le vallate marchigiane, tra una passeggiata e un salutare giro in bicicletta. Ma ritorniamo alla musica: nella vostra to do list estiva segnate gli appuntamenti con Simone Cristicchi, Mario Biondi, Alex Britti, Luca Carboni, Irene Grandi, Paolo Belli. E purtroppo le battute di un breve articolo non bastano a restituire il ricco calendario. In programma ci sarà anche una festa a sorpresa a Casalicchio il 31 luglio. Preparate zaini e tende e tenete le orecchie tese per ascoltare solo buona musica. Si riparte da qui. Gabriella Zullo

roots.jpgROOTS & CULTURE REGGAE FESTIVAL
26-29 luglio
Camping Girasole Park-Lignano
www.rootsreggaefestival.it

Più accoglienza, più condivisione, più musica, più rispetto. In quasi totale controtendenza con le novelle politiche odierne nasce la prima edizione del Roots & Culture Reggae Festival, che trova la sua ideale location al Camping Girasole di Lignano, già teatro di numerosi festival reggae, dal mitico Rototom Sunsplash al più recente One Love Festival. Nato dagli sforzi dell’omonima associazione Roots & Culture, il Festival si annuncia già come uno degli appuntamenti più caldi dell’estate grazie alla presenza di ben quattro headliner giamaicani, tra cui l’icona dell’epoca d’oro della reggae music Cedric Myton, classe 1947, cuore e colonna portante della mitica band The Congos, che con il suo falsetto alto, il carisma irradiante e l’ispirazione mistica ha scritto durante la sua lunga carriera alcune delle pagine più belle della musica jamaican e non solo.

 

Giamaicani trasferitisi a Londra, band di culto per gli appassionati di roots reggae, i Twinkle Brothers sono attesi al Festival il 28 luglio insieme a Capleton, per una notte che porterà il pubblico dai fasti storici del reggae ‘70s dei fratelli Norman e Ralston Grant ai grandi successi internazionali del “Profeta” Capleton. Tutto da scoprire il sound della melodica, e non solo, di Addis Pablo, figlio ed erede musicale e spirituale del padre Augustus Pablo – al secolo Horace Swaby –, grande musicista e produttore reggae in Giamaica. E ancora, da New York, i New Kingston, autori di A Kingston Story: Come from Far, ovvero uno dei dischi reggae più belli ed intensi del 2017, Sud Sound System, Train To Roots, Ras Kalif... C.S.

 

silejazz.jpgSILE JAZZ
Fino al 28 luglio
Vari luoghi in provincia di Treviso
www.silejazz.com

Sile Jazz nasce nel 2011 crescendo di anno in anno, consolidando la propria posizione nel panorama estivo musicale, inserendosi nel più ampio contesto di Jazz Area Metropolitana, il network recentemente formatosi per volontà dell'associazione nusica.org (responsabile da sempre anche di Sile Jazz). Una rete virtuosa che lega tra loro le province di Venezia, Padova e Treviso e che nella condivisione delle risorse e nella comunione di strategie culturali ha la propria principale forza. Iniziata a metà giugno, la rassegna tocca a luglio Mogliano e Istrana, Vedelago e Treviso in compagnia di Sidewalk Cat Quintet (27), Ada Montellanico (13), Roberto Ottaviano (6) e altre formazioni impegnate a dire orgogliosamente la loro nel mondo dell’improvvisazione, sotto la sapiente direzione artistica di Alessandro Fedrigo, considerato tra i migliori specialisti del basso fretless (senza i tasti).

suonidimarca.jpgSUONI DI MARCA
19 luglio-5 agosto
Bastioni SS.Quaranta-Treviso
Fb: Suoni di Marca

Arriva alla XXVIII edizione Suoni di Marca, la kermesse musicale a ingresso gratuito di casa a Treviso: 17 giorni di festa lungo le mura della città, fra concerti, percorsi enogastronomici, spazi artistici e artigianali. Al via il 19 con Sananda Maitreya e Diodato, proseguendo nei giorni successivi con gli Almamegretta e il funk dei Calibro 35. Protagonista del 24 luglio è Gianluca Grignani, con un esclusivo concerto in acustico che ripercorre i suoi vent’anni di carriera. Spazio a soul e jazz il 27, con l’inconfondibile voce della statunitense Cheryl Porter, per poi fare un tuffo nel punk-rock italiano con Punkreas e The Bastard Sons Of Dioniso, ad anticipare una serata tutta cantautorale con Sergio Caputo, Marina Rei e Paolo Benvegnù.

 

I Morcheeba di Skye saranno protagonisti il 30 con il trip-hop di Blaze Away, uscito nel giugno scorso. Al tramonto di luglio arriva Nina Zilli, mentre ai primi di agosto sarà la volta degli ambasciatori della musica di Cuba, il Grupo Compay Segundo, a 25 anni dalla scomparsa del compositore cubano. A Mirkoeilcane e a Guglielmo Bruno o, meglio, Willie Peyote le ultime note sulla Marca. Tranquilli! Solo fino alla prossima edizione... Giorgia Scarpa

 

sexto.jpgSEXTO ‘NPLUGGED
Fino al 7 agosto
Sesto al Reghena
sextonplugged.com

Il 9 luglio la XIII edizione del Festival richiama il post-rock scozzese formato Mogwai: Every Country’s Sun, pubblicato nel 2017, oscilla fra bonacce dilatate, vicine all’ambient, e momenti adrenalinici di gran forza, sempre in grado di portarci in un bel posto – parafrasando il titolo di una loro celebre canzone. Il 15 un doppio live: spazio al produttore, compositore e artista concettuale di Amburgo Hendrik Weber, meglio noto nell’ambiente techno e house come Pantha du Prince, affiancato dall’amico Bendik HK, e al post-rock degli sperimentali Son Lux. Il 7 agosto sarà tutto canadese: da un lato il R&B di Rhye, progetto musicale di Mike Milosh, in Friuli in esclusiva nazionale; dall’altro i Pick a Piper, il gruppo dello storico batterista dei Caribou Brad Weber, al suo primo album da solista (Distance), che naviga fra dance, newcumbia e afrobeat. Giorgia Scarpa

sherwood.jpg

 

SHERWOOD FESTIVAL
Fino al 7 luglio
Park Nord Stadio Euganeo-Padova
www.sherwood.it

Ecco un piccolo assaggio di ciò che vi siete persi nel mese di giugno: Caparezza, Coez, ‘O Zulù, The Zen Circus. Ma la stagione è ancora lunga, specie per chi lavora o è alle prese con la sessione d’esami, e la sera Sherwood vi aspetta e vi farà compagnia fino al sette luglio. Sul main stage ecco Alborosie, Lo Stato Sociale tra satira e indie, Shantel & Bucovina con la serata che ci piace “1€ può bastare”: un’orchestra gitana, tra musica balcanica ed elettronica.

 

Il festival inoltre è conosciuto anche per i numerosi eventi collaterali: stand di cucine tipiche, dagli arancini siciliani al cibo messicano, discussioni su temi d’attualità e presentazioni di libri, spazi dedicati a teatro e fumetto, band emergenti e tanti artisti che si esibiscono sul secondo palco sempre a tema con la serata (hip-hop, indie, progressive, dancehall). Tra le serate di luglio anche il Silent Party, in cuffia a tutto volume. Sherwood rinuncia a nulla e non c’è doppia negazione che tenga! Gabriella Zullo

 

arconati.jpegVILLA ARCONATI MUSIC FESTIVAL
5-23 luglio
Bollate
www.festivalarconati.com

L’estate a Villa Arconati si apre con un ventaglio caleidoscopico di eventi, laboratori, iniziative in campo storico-artistico... e a soli 1,5 km a nord di Milano. Fra questi spicca il Music Festival, progetto musicale e culturale che da trent’anni ha luogo nei giardini storici della Villa. Si inizia il 1° luglio con il paroliere Mario Panzeri, le cui canzoni – da Grazie dei fiori a Pippo non lo sa - son già parte integrante della storia italiana. L’11 luglio torna in Italia Noa&Band, voce di traversie e speranze di Israele. Il 18 è tutto per l’esuberanza dei Gogol Bordello, l’originalissima band multietnica multistrumentista e multigenere capitanata dal wonderlust king Eugene Hütz. Il 20 L’amore e la violenza vol. 2 dei Baustelle, sempre ‘oscenamente pop’ e sempre di una complessità finissima.

 

Il 16 e il 23, il grande jazz: prima con il Chick Corea Akoustic Trio, la formazione del celeberrimo compositore e pianista che conta tra i suoi compagni di lunga data John Patitucci e Dave Weckl; poi, e in ultimo, con la voce suadente di Melody Gardot. Giorgia Scarpa


villafranca.jpgVILLAFRANCA FESTIVAL

1-28 luglio
Castello Scaligero-Villafranca
www.eventiverona.it

Ad aprire il mese di luglio A Perfect Circle, super band alternative rock capitanata da Billy Howerdel e da Maynard Keenan, già frontman dei Tool. Subito a seguire il brio dei Negrita, con il loro tour estivo Desert Yacht Club, e Caparezza con Prisoner 709, un percorso di autoanalisi formato album, che porta l’artista verso l’evasione dal suo stesso carcere mentale. Largo poi alla ‘regina del soul’ Joss Stone, il 15 luglio, per la sua unica data italiana. Si prenota un posto, il 19, il cantautore romano Fabrizio Moro, vincitore dell’ultima edizione del Festival di Sanremo insieme a Ermal Meta, anche lui al Castello Scaligero il 28 luglio con l’album Non abbiamo armi, che di Non mi avete fatto niente non fa l’unico brano di punta. Prima, il 26, Francesco Gabbani sull’onda di un mini-tour che risolve la sua voglia di palco senza togliere tempo alla lavorazione sul nuovo album, il quarto, dopo il successo di Magellano. Giorgia Scarpa

 

 

 

vittoriale.jpegFESTIVAL DEL VITTORIALE
Fino al 31 luglio
Vittoriale-Gardone
www.anfiteatrodelvittoriale.it

Sotto la direzione artistica di Giordano Bruno Guerri, una rassegna che offre come clou il concerto di Norah Jones il 24 luglio. Attiva sulle scene musicali dal 2002, il debutto di Norah Jones avviene con Come Away With Me, disco che ha venduto 25 milioni di copie diventando fenomeno globale, sbaragliando i Grammy Awards del 2003 e aggiudicandosi ben 5 premi in una sola sera. Tra i suoi album, acclamati dalla critica e coronati dal successo di vendite, Feels Like Home, Not Too Late, The Fall, Little Broken Hearts, Foreverly. Autrice e interprete dalla voce calda e intima accompagnata da un sound inconfondibile, in grado di tessere i fili dei più svariati generi della musica americana, dal country al folk, dal rock al soul e al jazz.

 

Eseguirà brani dell'ultimo album Day Breaks accompagnata da straordinari musicisti quali Brian Blade alla batteria e Chris Thomas al basso. Ma altri importanti appuntamenti sono in calendario tra cui Ben Howard (4 luglio), i Cigarettes After Sex (7 luglio), per proseguire in crescendo con Franz Ferdinand, Pat Metheny, Vinicio Capossela, Marcus Miller e Yann Tiersen. Enrico Gusella