VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow 16. BIENNALE ARCHITETTURA | La città interiore. La casa, spazio libero e sociale oltre la storia
16. BIENNALE ARCHITETTURA | La città interiore. La casa, spazio libero e sociale oltre la storia
di M.M.   

kosovo-pavilion-at-venice-biennale-2018-photo-by-tait_fritz-via-ig-2.jpgKOSOVO

 

Un soffitto offuscato da parabole satellitari – segno dell’apertura mediatica verso il mondo –, muri di specchi che moltiplicano lo spazio – barriere fisiche che offrono una libertà psicologica –, tappeti stesi a terra a ricreare il calore domestico – elementi centrali della dimora albanese del Kosovo –, accolgono il visitatore immergendolo in The City is Everywhere.

 

Lo spazio è l’immagine metaforica di una libertà mentale, ma non fisica, di una casa in continua metamorfosi, dove il privato e il pubblico diventano una cosa sola, una casa come elemento sostitutivo della città. Nel curare il padiglione della Repubblica del Kosovo, Eliza Hoxha ha reinterpretato gli anni ‘90, quando il regime di Miloševic´ revocò l’autonomia del Kosovo, un periodo durante il quale gli albanesi-kosovari furono espulsi da tutte le istituzioni statali e quindi inevitabilmente emarginati dalla vita pubblica e sociale.

 

Come risposta, gli albanesi-kosovari crearono un sistema parallelo di istituzioni pubbliche nelle loro case private trasformandole allo stesso tempo in scuola, ristorante, ufficio, galleria d’arte, ospedale e, naturalmente, casa. La ricerca di Eliza Hoxha mostra come questo insieme di spazi siano diventati una singola entità che fornisce spazi di libertà nella periferia di una città occupata.

 

 

«the CITY is EVERYWHERE», 2018

Artiglierie, Arsenale - Venezia

kosovapavilion.com/architecture