VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow Venezia 75 | Venezia Classici presenta "Friedkin Uncut"
Venezia 75 | Venezia Classici presenta "Friedkin Uncut"
di Fabio Marzari, Sara Sagrati   

Vlascesa.jpgenezia Classici è la sezione che dal 2012 presenta alla Mostra in anteprima mondiale, con crescente successo, una selezione dei migliori restauri di film classici realizzati nel corso dell’ultimo anno da cineteche, istituzioni culturali e produzioni di tutto il mondo. Curata da Alberto Barbera con la collaborazione di Stefano Francia di Celle, Venezia Classici presenta inoltre una selezione di documentari sul cinema e i suoi autori. La Giuria presieduta da Salvatore Mereu è composta da 26 studenti – indicati dai docenti – dei corsi di cinema delle università italiane, dei DAMS e della veneziana Ca’ Foscari.

 

 

 

L’ascesa di Larisa Shepitko, girato nel 1977 in bianco e nero e vincitore dell’Orso d'Oro a Berlino nello stesso anno, è ambientato in Bielorussia durante la Seconda guerra mondiale. I partigiani Sotnikov e Rybak si allontanano dal loro gruppo per cercare viveri in una vicina fattoria, ma i nazisti li precedono e i due sono costretti a una pericolosa deviazione all’interno del territorio occupato dal nemico. Catturati dai tedeschi, si ritrovano di fronte a una scelta: tradire i propri compagni per continuare a vivere oppure non parlare e andare incontro a morte certa. Il film è uno dei capolavori del cinema sovietico d'era brezneviana, un feroce e straziante dramma antimilitarista, storia di estrema sofferenza in cui la regista racconta la disperata lotta per la sopravvivenza di due uomini. È una sottile requisitoria contro il regime sovietico e fu l’ultimo degli otto film diretti dalla Shepitko, scomparsa nel 1979 a soli quarant’anni.

(Fabio Marzari)

 

Voskhozhdeniye (L'ascesa)
di Larisa Shepitko (Russia, 1976, 110’)
31 agosto, Sala Casinò h. 17.15

 

william_friedkin.jpg

 

Regista, storyteller, melomane e storico del cinema; un vero istrione, e lo sanno bene tutti quelli che hanno avuto la fortuna di ascoltarlo anche solo alle conferenze stampa veneziane degli ultimi cinque anni. Finalmente William Friedkin si mette a disposizione per raccontare se stesso, la sua vita e la sua carriera di fronte alla macchina da presa dell’italiano Francesco Zippel nel film Friedkin Uncut. Quello che avrebbe dovuto essere un omaggio, grazie all’intervento di numerosi amici e collaboratori, si trasforma così in un vero e proprio saggio sul significato di essere artisti e al contempo lavoratori. (Sara Sagrati)

 

Friedkin Uncut
di Francesco Zippel (Italia, 107’)
31 agosto, Sala Volpi h. 16.45