VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow VENICENESS
VENICENESS
Sorsi di tradizione. Una Bricola in mezzo ai vigneti del Bosco del Merlo
Written by RedazioneWeb3   

bosco-del-merlo_bricola.pngLa bricola è un palo di legno, spesso abbracciato ad altri pali, generalmente in numero di tre, conficcato nel fango della laguna, e rappresenta un elemento fondamentale nel paesaggio veneziano per segnare le vie d'acqua navigabili. Bricola è anche il nome scelto dalla cantina Bosco del Merlo, azienda vitivinicola in Annone Veneto, di proprietà dal 1977 della famiglia Paladin, per un nuovo vino, lo Chardonnay Venezia DOC, che omaggia il legame con Venezia e con il mare, che nei secoli passati lambiva le terre dove oggi sono piantati i vigneti.

  bdm_vigneti.jpg

Read more...
 
En plein air. A cena a Venezia tra plateatici diffusi e giardini insoliti
Written by Fabio Marzari   

Sembra che tutti coloro i quali possono permettersi di consumare dei pasti al ristorante siano affetti dalla frenesia di recuperare il tempo trascorso tra le pareti domestiche, quando questa operazione era impossibile, causa chiusure per Covid. Complici le amministrazioni locali che per venire incontro alle legittime esigenze dei ristoratori di poter servire il maggior numero di clienti, in sicurezza e distanziati, hanno concesso dei generosi aumenti di superficie pubblica destinata al plateatico, camminare la sera per le calli di Venezia è spesso un percorso a ostacoli tra tavole imbandite e piatti che girano in mano a bravi camerieri, che in taluni casi si destreggiano come prestigiatori per evitare di scontrarsi con i passanti.

Se ci fosse in azione una compagnia di giro come in Amici miei, le cene sarebbero a rischio, infatti la tentazione di vagare con una forchetta in tasca per spiluccare dai vari piatti, solo per il gusto dello scherzo e di vedere le facce attonite dei commensali, è ben presente, ma nessuna induzione a commettere scelleratezze, sia chiaro.
Quello che segue è un giro a caso tra alcuni locali in città, muniti di giardino o di un plateatico significativo.
 

al_giardinetto_da_severino.jpg
Read more...
 
Le forme del bere. Aman omaggia la Biennale con cocktail ispirati ai grandi architetti
Written by Fabio Marzari   

Aman è molto più di un albergo, è un luogo unico, dove le opere d'arte rococò contrastano con gli interni contemporanei studiati dal designer Jean-Michel Gathy, un concentrato di bellezza, cura di ogni dettaglio e attenzione per il benessere degli ospiti, che qui raggiungono vette quasi inarrivabili. Un “Karakorum” di stile e sobrietà elegantissima, in cui la raffinatezza è ad esempio poter semplicemente camminare, volendo, a piedi nudi in un prato verdissimo, totalmente naturale, affacciato sul Canal Grande...

   

aman_venice_-_fb_-_the_bar_cocktail.jpg
Read more...
 
Une affaire de femmes. Al St. Regis il Redentore è uno spettacolo a tavola
Written by Fabio Marzari   

La notte del Redentore declinata secondo i dettami della migliore cucina, in una delle terrazze più spettacolari che si possano trovare in città: quella del St. Regis Venice. In collaborazione con Veuve Clicquot, la Cena del Redentore at Gio’s è composta di un menù studiato a quattro mani in abbinamento a una selezione delle migliori Cuvée Veuve Clicquot. Nadia Frisina, executive chef del St. Regis ospita nelle sue cucine Marianna Vitale, Chef di SUD Ristorante, Quarto (NA), e vincitrice del Premio Michelin Chef Donna 2020 by Veuve Clicquot.

 
marianna-vitale-nadia-frisina.jpg
Read more...
 
Pomerium, l'architettura del gusto. Alberto Fol esalta elementi primari in un piatto "collettivo"
Written by Fabio Marzari   

Il forte legame tra l'iconico Hotel Danieli di Venezia, celebre in tutto il mondo, portato ad esempio di massima espressione del lusso serenissimo, e la cultura rappresentata al livello più elevato di autorevolezza da Biennale costituisce un connubio solido e indissolubile in grado di esprimersi anche attraverso l'estro e la maestria dell'executive chef Alberto Fol, capace di inventare sempre nuovi piatti suggeriti da installazioni artistiche.

Image

 

 

In occasione della 17. Biennale Architettura, il link venutosi a creare parte dall'installazione artistica Senza Terra / Pomerio, una enorme barca capovolta e sostenuta dai suoi stessi remi posta nel parco dell'Isola di San Servolo, Evento Collaterale ufficiale della Biennale 2021, che diventa riparo dalle intemperie e momento di raccolta per i naufraghi: uno spazio vitale inviolabile che per le sue connotazioni storiche assume la sacralità del pomerium latino. Il concetto della sacralità del vivere comune diventa così il tema di riflessione nel segno della rigenerazione per 50 artisti chiamati a formare un collettivo, coordinato dal curatore Boris Brollo.

Read more...
 
Feel Venice 2021. Alla scoperta del patrimonio enologico veneziano
Written by Redazioneweb2   
Image

Il 3 luglio, nell'antico brolo del Convento dei Frati Carmelitani Scalzi di Venezia, a fianco della stazione ferroviaria di Santa Lucia, un'incredibile area verde perfettamente coltivata, celata agli occhi della città e delle migliaia di persone che ogni giorno ci passano davanti, inconsapevoli della bellezza che si nasconde dietro un alto muro di cinta, si tiene Feel Venice 2021. La manifestazione oltre a svelare un luogo segreto di Venezia, ha lo scopo di favorire la scoperta del patrimonio enelogico veneziano.

 

Cinque isole di degustazione, tante quante sono le denominazioni tutelate dal Consorzio Vini Venezia, predisposte per accogliere gli appassionati del mondo del vino desiderosi di scoprire le eccellenze del patrimonio enologico veneziano. «FeelVenice - commenta Stefano Quaggio, Direttore del Consorzio Vini Venezia - è un evento bellissimo e lo celebriamo quest’anno in una veste rinnovata, che vuole essere soprattutto una festa esclusiva dedicata al vino del nostro magnifico territorio, all’arte e alla cultura di cui siamo molto orgogliosi. Una giornata che vogliamo vivere tutti insieme con gioia e in totale sicurezza, nel pieno rispetto delle normative anti-Covid».

Read more...
 
#backtolife. La borsa 'etica' di Carla Plessi per McArthurGlen Noventa di Piave Designer Outlet
Written by Redazioneweb   

#backtolife è un progetto di economia circolare e di empowerment femminile che segna la ripartenza di una nuova stagione al McArthurGlen Noventa di Piave Designer Outlet. Una collezione di 100 borse uniche e numerate, create da Carla Plessi, i cui proventi della vendita saranno destinati in toto alla Casa Famiglia San Pio X di Venezia. Ci parlano dell’iniziativa Renata Allacevich, direttrice della Casa Famiglia, Daniela Bricola, general manager dell’Outlet, e naturalmente Carla Plessi.

backtolife-mcarthurglen.jpg

 

Read more...
 
Con tutte queste bollicine... Sunset & Bubbles al The Gritti Palace
Written by Fabio Marzari   

Ormai è ufficiale, siamo in “zona bianca”, questo significa un ritorno alla quasi normalità, pur con le dovute precauzioni e la dose abituale di prudenza che la pandemia ci ha insegnato ad usare, o meglio avrebbe dovuto insegnarci ad usare.

Image

 

 

Per una piacevole coincidenza di date, dal 7 giugno, primo appuntamento solo su invito, The Gritti Palace ha programmato nella sua meravigliosa terrazza Redentore da cui si abbraccia una consistente prospettiva di Venezia come in un tableau vivant di Canaletto, un aperitivo Sunset & Bubbles aspettando il tramonto in cui protagonista è una prestigiosa selezione di Champagne Ruinart, la più antica Maison de Champagne accompagnati da canapè preparati dall’Executive Chef Daniele Turco.

Read more...
 
FOOD&MARKET | L'orto della Serenissima è sempre zona verde
Written by Nadia Frisina   

Votate ormai da secoli alla coltivazione dei terreni a destinazione agroalimentare, le splendide Isole della laguna di Venezia regalano alla città copiosi raccolti e prodotti dal sapore davvero inconfondibile. L’abbondanza di sali minerali di questi territori, baciati dal sole e dall’acqua della Laguna, conferisce ai prodotti dell’orto peculiari caratteristiche e un gusto straordinario. Seconda per estensione solo a Venezia, l’isola di Sant’Erasmo vanta terreni dedicati all’agrolagunare ormai da secoli. Noto per le sue eccellenze enogastronomiche, il borgo di Sant’Erasmo si risveglia in questa stagione, ripagando le fatiche dei contadini e deliziando le tavole dei veneziani. Un vero e proprio scrigno sito al centro della Laguna, l’Orto della Serenissima è una meta ambita per gli amanti del biologico, capace di accontentare i palati più esigenti. I verdi campi del borgo sono attraversati da canali, da macchie di alberi e da terreni argillosi, che vengono spesso sommersi dalle alte maree e dai moti ondosi.

 

carciofo-violetto-sant-erasmo.jpg

 

Read more...
 
L'ora di Punta. A Murano tra arte, enogastronomia contemporanea e green boutique
Written by Fabio Marzari   

Murano: l’isola che c’era e che vuole tornare ad essere protagonista, centro universale della lavorazione del vetro artistico, in profonda crisi di identità da decenni, pur con qualche eccezione virtuosa da parte di imprenditori/maestri vetrai che portano avanti coraggiosamente e caparbiamente il loro lavoro, credendo nella bellezza in primis della loro isola e nella forza dei loro prodotti, molto spesso del tutto equiparabili ad opere d’arte uniche e preziose. Un altro aspetto interessante e poco frequentato riguarda la storia industriale di Murano, in cui esistevano realtà produttive che nei periodi di maggior fulgore occupavano fino a 3000 unità. Esemplare è la storia delle Conterie, che nel 1898 unirono 14 aziende locali per fondare la Società Veneziana per l’Industria delle Conterie, che utilizzerà per la sua produzione un’enorme area di 22.000 mq situata nel cuore di Murano, tra Palazzo Giustinian e la Basilica di San Donato.

punta-conterie_ph-maris-croatto.jpg
Read more...
 
Il Tavolo del Doge. Nuovi riti in luoghi iconici
Written by Fabio Marzari   

Vogliamo farci carico di divenire dispensatori di buone notizie, raccontando sprazzi di pura bellezza, che certo non sono deficitari in Città. La scorsa settimana abbiamo iniziato soffermandoci diffusamente sulla riapertura del Quadri e del Florian, iconici locali di Piazza San Marco. Oggi è la volta del Cip’s Club del Cipriani, con la sua terrazza protesa quasi ad abbracciare il bacino di San Marco, che ha ripreso a deliziare i suoi ospiti con una cucina sempre a livelli eccellenti e in gran parte a chilometro zero. Il Cipriani per i 1600 anni di Venezia, anniversario fondato su una data simbolica più che su dati di fatto storici ma in grado comunque di stimolare la creatività, già di per sé un fattore positivo, ha creato un appuntamento rituale per l’aperitivo aperto alla città, da vivere in famiglia o con amici seduti in piena sicurezza al “Tavolo del Doge”.

cip-s-club-venezia.jpg
Read more...
 
L’uovo di Colombo. Il Caffè Quadri riparte dai cichetti
Written by Fabio Marzari   

Il Quadri in piazza San Marco riapre la sua suggestiva terrazza con vista Basilica con una proposta completamente innovativa e al solito geniale. Massimiliano Alajmo sintetizza l’uovo di Colombo in modo efficace e serafico: «Il tutto è partito dall’impossibilità di fare ristorazione in piazza San Marco per una regolamentazione comunale che non ha consentito nessuna deroga, abbiamo perciò sostituito i panini, i club sandwich e altre proposte salate con una linea elegante e golosa in forma di piccoli cicchetti che permette di pranzare e cenare in modo molto più informale, più giovane, più rilassato, ma sempre nel rispetto delle regole». Il più irruento fratello Raffaele aggiunge: «Perché questa scelta? Di necessità virtù! Non c’è stata nessuna considerazione per il nostro settore, nessun aiuto, ma anche nessuna voglia di morire. Abbiamo analizzato il Quadri e la nostra offerta in tutte le sue sfaccettature e ne abbiamo ridisegnata una nuova post-pandemica, il “bacaro in piazza” è il primo atto. Altissima qualità di cucina italiana e veneziana in varie espressioni. Ricominciamo dai cicchetti».

quadri-venezia1.jpg

Read more...
 
Ricomincio da 300. Il Caffè Florian riapre le porte
Written by Fabio Marzari   

Era ora! Piazza San Marco deserta con tutte le attività commerciali chiuse rappresenta e rappresenterà un’immagine indelebile nelle nostre memorie. Questa pandemia terribile ha portato con sé la distruzione di molte certezze, una di queste, granitica, era data dal fatto che in 300 anni di storia il Caffè Florian non avesse chiuso neppure durante le Guerre... Invece un virus impercettibile allo sguardo ha potuto sbarrare gli ingressi di un luogo iconico, metafora della stessa città di Venezia.
Vogliamo sperare che il peggio sia passato per sempre e nuove occasioni di festa siano prossime a moltiplicarsi all’interno delle meravigliose sale del Caffè e soprattutto che l’orchestra possa riprendere a suonare in piazza fra gli avventori dei numerosi tavolini che potranno 'invadere' il plateatico esterno.
Sabato 1° maggio il Florian riapre e si spera non chiuda più, affidando al ricordo il silenzio delle sale vuote.

florian-venezia-about-feat-1.jpg
Read more...
 
Degustazioni social. Un nuovo vino, un appassionato viticoltore e una grande enologa
Written by Fabio Marzari   
q-0mpsaosmk7uscil8omyg_pb_x600.png

È stata stappata in questi giorni la prima produzione di Rosalia, il Prosecco DOC Rosé di Giusti Wine, frutto della collaborazione con l’enologa Graziana Grassini, che così lo racconta: «Abbiamo pensato a un prodotto fatto per durare nel tempo, stabilizzandone il colore, i profumi e il perlage. Si è partiti da uve scelte in parcelle selezionate, per poi dedicare attenzione particolare al colore, con un taglio con il Pinot Nero in presenza dei lieviti». Rosalia «esprime al naso piacevoli ed eleganti sentori sia di frutta gialla che rossa: nocepesca, ciliegia e profumi floreali di rosa appena schiusa».


Il vino rosato, che in Italia non ha avuto finora grande fortuna, si presenta al mercato interno ed internazionale, che invece apprezza molto questa varietà di vino, con le caratteristiche migliori grazie al gusto secco, intenso e persistente al palato. E sembra che il rosato possa rappresentare la nuova moda del bere, in un periodo in cui la socialità deve recuperare lunghi mesi di isolamento.

 

Rosalia by Giusti Wine: un brindisi in rosa

La qualità e la bontà del vino della cantina di Nervesa della Battaglia sono garantiti e un brindisi in rosa è la nuova frontiera per le bollicine Giusti Wine.
«Abbiamo voluto uno spumante che duri nel tempo perché Giusti Wine, sin dalla sua fondazione, si rivolge al mondo – spiega Ermenegildo Giusti –, questo vino, come tutti gli altri della nostra gamma, è pensato per viaggiare e offrire anche oltreoceano un prodotto perfetto a distanza di tempo dall’uscita dalla cantina».

Personalmente abbiamo avuto modo di assaggiarlo durante una degustazione via Zoom, in cui timidamente ci siamo limitati a sorseggiarlo, molto fresco, mentre sullo schermo dei nostri computer super esperti della materia discettavano con Graziana Grassini e Ermenegildo Giusti a fare da contraltare. Il nostro è un giudizio puramente estetico e semplice, basato sulla bellezza della bottiglia, dalla elegante etichetta e dal colore accattivante del contenuto, di un rosa che rimanda alla poesia di un pesco in fiore. Possiamo solo affermare convintamente che ci è piaciuto, inizialmente si rivela fresco nel palato, poi per la sua persistenza cresce di intensità e al contempo di morbidezza.


Vorremmo avere la libertà di poter dire che è buono e che merita di accompagnare molto più di un brindisi, lasciando agli enosofi le dotte concioni sul vino rosa più adatto ad un pubblico muliebre o meno. 

Noi mettiamo un "like" convinto, rosa fresca aulentissima...

 

 

www.giustiwine.com 

 
Il pesce d'aprile che fa bene al cuore. Il 'povero' pesce azzurro, tra i più ricchi del Mare Nostrum
Written by Nadia Frisina   

Regine indiscusse della Primavera tra i banchi del pesce, le alici illuminano di freschezza il Mercato di Rialto. Ricche di grassi buoni e piene di Omega 3, le alici appartengono alla famiglia delle Engraulidae. Godono di un grande potere antinfiammatorio e mangiarle regolarmente aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, a mantenere i livelli di colesterolo buono, la corretta funzionalità del fegato, dei reni e dell’intestino, contribuendo così anche al buon funzionamento del nostro cervello favorendo lo sviluppo neuro cognitivo.
Il pesce azzurro si conferma essere il prodotto ittico più pescato in Italia e le alici ne rappresentano senz’altro, in termini quantitativi, la parte più copiosa. Nel nostro Paese ne vengono pescate dalle 40 alle 60 tonnellate per anno e per la maggior parte provenienti proprio dal Mare Adriatico. Le tecniche di pesca delle alici nel Mediterraneo variano da Paese a Paese, da costa a costa, a seconda delle differenze morfologiche dei fondali marini. In Italia, per esempio, si pesca di giorno alla luce del sole, mentre in Croazia si pesca la notte alla luce delle ‘lampare’.

 

frisina-aprile2021.png
Read more...
 
Il piron del diavolo. La (s)fortuna della forchetta a Venezia
Written by Fabio Marzari   

Tra i molti primati di cui Venezia potrebbe vantarsi c’è l’utilizzo diffuso delle prime forchette da tavola, anche se fu un inizio travagliato. Il “piron”, ossia la forchetta nel dialetto veneziano, sembra essere un’invenzione bizantina. Furono proprio le principesse di Costantinopoli, infatti, a diffondere l’uso di questa posata, prima a Venezia e poi nel resto d’Europa. Per questo si può affermare, malgrado il non certo fortunato avvio dell'utilizzo di questo indispensabile strumento da tavola, che Venezia conobbe l'uso della forchetta assai prima della Francia, dove fu importato soltanto nel 1379.

forchetta-2-e1543490456760.jpg
Inizialmente il “piron” era considerato uno strumento demoniaco, non decoroso come le tre dita regali. Fonti letterarie dopo il Mille descrivono l'uso della forchetta dapprima a Venezia, poi a Pisa e Firenze, soprattutto in mano a borghesi e mercanti, mentre nelle corti vigeva ancora l’etichetta tradizionale di Ovidio delle tre dita, che imponeva di attingere direttamente dal piatto per pescare il cibo solido.
Read more...
 
Rialto si tinge di giallo limone. Tra tutti i frutti è il trionfo degli agrumi
Written by Redazioneweb   

Nadia Frisina, Executive Chef del The St. Regis Venice, è una giovane e talentuosa donna siciliana. Chef Nadia interpreta al meglio lo spirito della sua Isola al centro del Mediterraneo e punto di incontro e confronto tra differenti civiltà: greca, romana, islamica, normanna, spagnola e francese. Ha iniziato la sua carriera a Taormina, lavorando poi come Executive Chef presso strutture italiane a cinque stelle, prima di lavorare come Head Chef al Westin Hotel del Distretto Finanziario di Pechino. Diventa in seguito Executive Chef per SOHO, City of Dreams a Macao prima di tornare in Europa per il 5&33 Art’otel di Amsterdam, una struttura ricettiva cinque stelle con un atelier e una galleria d’arte contemporanea. È un piacere per noi dare il benvenuto a Chef Nadia con i suoi racconti dal Mercato di Rialto e dalle cucine del St. Regis, che tutti noi speriamo presto tornino affollate e pronte a deliziare il palato di numerosi e felici ospiti.

nadia_frisina_rialto.jpg
Read more...
 
L'arte sublime e commestibile. Un viaggio tra le delizie degli chefs pâtissiers
Written by Fabio Marzari   

Pasqua 2021, per il secondo anno di fila segnata dalla pandemia e dalle conseguenti limitazioni, tranne quella, francamente inspiegabile, della possibilità di viaggiare per turismo all'estero, ma non in Italia. Sarebbe bellissimo poter vedere lo sciopero solidale dei viaggi a favore del sistema turistico nazionale, vabbé quando mai?!
Per noi, inguaribili idealisti, rimane la soddisfazione di un viaggio tra le delizie create da chefs pâtissiers in occasione di questa festività, a partire dal cioccolato, che vede il suo trionfo proprio a Pasqua. Scordiamoci del tutto l'uovo avvolto nella dozzinale carta lucida; ci troviamo in altri universi in cui la creatività e la purezza delle materie impiegate creano una sintesi ideale di arte commestibile, un'estetofagia per voler giocare con l'invenzione di parole. Di seguito tre esempi tra i virtuosi del cioccolato meritori di menzione.

 

pasqua2021.jpg
Read more...
 
Vola colomba vola! Al binario zero, i dolci di Iginio Massari
Written by Fabio Marzari   

Oggi è una giornata particolare, esattamente un anno fa, era il 18 marzo 2020, le immagini della colonna dei camion dell'esercito che portavano via le bare perchè non c'era più posto nei cimiteri di Bergamo, hanno turbato le nostre coscienze, se ci fosse stato bisogno di comprendere quanto grave fosse questo virus con cui abbiamo dovuto condividere e tuttora stiamo condividendo un percorso di vita, quelle immagini ne testimoniano indelebilmente la crudeltà e la pericolosità.


Sosta golosa in Stazione

Dopo questo doveroso e sincero omaggio a tutte le vittime perlopiù invisibili del Covid-19, può sembrare un ardito e irrispettoso cambio di passo parlare di un negozio temporaneo in cui la dolcezza (letteralmente) è di casa, invece si tratta di un segnale di nuova vita e soprattutto rappresenta un'incredibile consolazione per questi lunghi momenti di abbandono e sconforto, in cui le nostre certezze vacillano, come i grattacieli di Tokyo durante le frequenti scosse telluriche. Alla Stazione ferroviaria di Mestre ha aperto da qualche giorno, e lo sarà fino al 15 aprile, un punto vendita temporaneo con i prodotti dolciari di Iginio Massari, ovvero il sublime ha preso casa per qualche settimana vicino a noi!

galleria-massari-mestre.jpg

 

Read more...
 
Secondo Natura. Nadia Frisina riapre le cucine del St. Regis
Written by Fabio Marzari   
nadia-frisina-stregis.jpgNadia Frisina, Executive Chef dell'hotel St. Regis di Venezia interpreta al meglio la sua idea di cucina con un motto: “sublimiamo l’iconico”, che è una bandiera di grande professionalità, fantasia e consapevolezza. L’esperienza vissuta in questo periodo drammatico di pandemia ha inevitabilmente segnato anche il mondo della ristorazione di altissimo livello in cui Frisina è abituata a confrontarsi ed operare, e nelle sue parole pare di ascoltare il silenzio innaturale di una cucina ridotta a numeri di sopravvivenza rispetto alla complessa e affollata brigata operativa durante i fastosi ritmi complessi delle stagioni passate, in cui la città era presa d’assalto e svariati erano gli eventi che riempivano gli spazi degli hotel in banchetti e feste.
Da siciliana, ma cittadina del mondo, è in grado per DNA di trasformare le difficoltà in opportunità, abituata a vedere l’attività del suo Etna, anzi della sua Etna, perchè in Sicilia il vulcano è femmina, trattato sempre con rispetto e sana paura, in grado di offrire dopo ogni attività eruttiva nuova linfa per rendere ubertosa la terra e produrre frutti meravigliosi.
Read more...
 
More...
<< Start < Prev 1 2 3 4 Next > End >>

Results 1 - 70 of 246