VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CINEMA arrow VENEZIA77 | La narrazione dei territori (a un passo dal cielo). Intervista a Jacopo Chessa
VENEZIA77 | La narrazione dei territori (a un passo dal cielo). Intervista a Jacopo Chessa
di Mariachiara Marzari   
ImageJacopo Chessa, accademico e cineasta, direttore del Centro nazionale del cortometraggio di Torino, è il neo-direttore della Fondazione Veneto Film Commission, che arriva al Lido con il suo spazio all'Hotel Excelsior, dove a partire dal 3 settembre sarà ospitato il centro dell'attività della Regione Veneto in materia di audiovisivo.

Nonostante il Veneto sia stata una delle prime Film Commission attive, la sua formalizzazione in Fondazione è relativamente recente. Quali i risultati tangibili di questo lungo percorso e come questa nuova configurazione sta segnando uno scarto nella progettualità dell’industria dell’audiovisivo in Veneto?
L’autonomia che lo statuto di fondazione dà a una Film Commission è senza dubbio il primo tassello di una più larga progettualità, che è prematuro giudicare, vista la giovane età dell’istituzione. Quanto alla strategia regionale che, come detto, viene da lontano, vedo nel fondo di sostegno alla produzione un primo grande esito. Il fondo è destinato a migliorare la qualità della produzione locale, attrarre investimenti sul territorio e rafforzare la promozione della regione attraverso il cinema.

 

Dopo il lockdown, come è ripartito il lavoro sul territorio? Quale produzioni state ospitando/sostenendo? Quali iniziative saranno lanciate nei prossimi mesi a sostegno del comparto?
Il grosso dei set riaprirà a inizio autunno. Quest’estate, come tutti sanno, il Cadore è stato set della fortunata serie Un passo dal cielo. Nei prossimi mesi ci muoveremo su più fronti: servizi a chi intenda girare in Veneto, azioni di promozione internazionale - compatibilmente all’evoluzione della pandemia, che limita drasticamente i viaggi - dialogo con le imprese per investimenti nel settore, basi per progetti di formazione per i professionisti locali.

Come il cinema è riuscito a rendere le unicità del territorio elementi fondamentali della propria identità, capaci di attirare produzioni nazionali e internazionali?
Il Veneto ha diverse unicità. In primis, Venezia, che da sola è in grado di attrarre enormi produzioni internazionali, così come autori indipendenti italiani o locali. La Regione ha però una varietà di territorio che poche altre in Italia possono vantare: dal mare alla montagna, dal fiume al lago, dalle colline alla laguna... La chiave di volta è riuscire a far dialogare queste unicità con un vasto pubblico, e questo si fa con le storie, con la narrazione. È anche per questo che esistono le Film Commission: per far sì che i territori siano narrati.

 

www.venetofilmcommission.com

 

TORNA ALLA NEWSLETTER