VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow TEATRO arrow Hold Your Own. A Kae Tempest il Leone d’Argento della Biennale Teatro 2021
Hold Your Own. A Kae Tempest il Leone d’Argento della Biennale Teatro 2021
di Loris Casadei   

rid-kae_tempest_ph_julian_broad2_262.jpgGianni Forte, nuovo direttore, insieme a Stefano Ricci, del settore Teatro della Biennale di Venezia lo aveva annunciato «Non pensiamo ad un solo teatro, ma a diversi teatri possibili... vogliamo aprire feritoie, squarci poetici. La poesia è l’unico antidoto allo sconcerto. Saremo due futuri guerrieri dello stupore poetico».

 

Avevano già in mente Kae Tempest, annunciata Leone d’Argento 2021, nel pronunciare queste parole?

 

Kae Tempest è contaminazione pura di generi, riprende la tradizione dei menestrelli, dei cantastorie, oggi modernamente chiamati spoken word artist, cantante, scrittrice di canzoni, poeta e romanziere. er di più ci tiene a definirsi “non binaria”, nel suo rifiuto a riconoscersi in un solo genere, né maschile né femminile né altro, e da tempo riferisce di sé stessa al plurale. La conosco da tempo tramite i suoi racconti e i pochi spezzoni di recitazione in circolazione.

Dritta al cuore

Mi affascina il suo parlare, il suo scrivere, il suo cantare, fluido senza interruzioni, con frasi semplici che vanno diritte al cuore. Abituato a Proust e alle sue due pagine fitte per descrivere la schiuma delle onde del mare, mi perdo in questo linguaggio semplice con pochissimi aggettivi, frasi brevi, del parlato di ogni giorno, eppure così poetiche nella loro semplicità.


Per lei i critici hanno parlato di Beckett, Joyce, Yeats, talvolta William Blake, da lei stessa talvolta citato, ma se potessi esprimermi ereticamente a me vengono in mente le storie omeriche, ancora prima che venissero messe per iscritto.

 

Kate Esther Calvert

Oggi appena trentacinquenne, nata nel South East londinese, ha iniziato prestissimo la sua attività artistica, prevalentemente in performance che la mettano a diretto contatto con il pubblico.Il nome, pseudonimo di Kate Esther Calvert, è nome d’arte e Tempest è volutamente un omaggio a Shakespeare.


Una volta si definì un “jaybird”, un passero dei querceti e latifoglie, già ricordato da Ovidio come portatore di pioggia. Kae lo associa alla curiosità, alla voglia di comunicare, alla capacità di adattamento, che sono sicuramente doti di questa artista. Il suo primo libro è stato The Bricks that Built the Houses del 2016, che purtroppo non mi risulta ancora tradotto in italiano.


I temi sociali non mancano, e le sue parole colpiscono «People are killing for gods again. Money is killing us all. They live under a loneliness so total it has become the fabric of their friendships. Their days are spent staring at things.They exist in the mass and feel part of the picture. They trust nothing but trends». Frasi terribili che la recente pandemia ci ha fatto dimenticare.
 

-01_iscriviti_bianco_ok.jpg

 

Meritoria Edizioni e⁄o che nel 2017 ha pubblicato Let Them Eat Chaos e nel 2014 Hold Your Own, titolo italiano Resta te stessa, e lo ha fatto intelligentemente con testo inglese a fronte. Giusto, perché nonostante la bella traduzione di Riccardo Duranti, l’originale dona un ritmo poetico che ti avvolge e ti ricopre. Dedica queste poesie a Tiresia, l’indovino cieco di Sofocle nell’Edipo re, che in battuta finale esclama «Me ne vado, ora che ho detto quello che sono venuto a dire». Lo stesso Tiresia protagonista anche di The Waste Land del poema di T. S. Eliot.

Poesia come redenzione

Musica e poesia come redenzione, di sé stessa: «Before I had music and rhyming/I was too big and I walked like a boy,/and I was too soft for the school that I went to/and I was too smart and it made her suspicious./I had to be tenderised» (da Hold Your Own).
Attenzione, talvolta le sue poesie sanno colpire allo stomaco e lasciano in bocca il sapore di sangue.

 

www.labiennale.org

 

>> LEGGI ANCHE: Brecce poetiche. Al regista polacco Krzysztof Warlikowski il Leone d'Oro 2021