VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Il paese dai mille volti. Erika Mattio e le memorie di viaggio in Iran
Il paese dai mille volti. Erika Mattio e le memorie di viaggio in Iran
di Daniela Paties Montagner   
mercoledì 03 marzo 2021
9788899333980_0_0_560_75.jpgDai minareti delle moschee proviene la voce dei Muezzin. La terra dell’Iran è gialla, e tutto intorno il vociare del vento e l’aria calda riportano ad un luogo dove ha avuto origine un ricco passato tra storia e tradizioni millenarie. Nel suo libro Erika Mattio, grazie agli studi a Istanbul e Mashhad che hanno suscitato in lei un fascino particolare per il Medio Oriente, e ai numerosi soggiorni nell’antica Persia, descrive la sua esperienza di ricerca e conoscenza di questo bellissimo Paese, offrendo al lettore la possibilità di ‘viaggiare’ attraverso le città e le meraviglie dell’Iran, con una descrizione di persone ed emozioni che vogliono sfatare i luoghi comuni che spesso attorniano il Medio Oriente.

 

Secondo l’autrice «L’Iran è un Paese dai mille volti: moschee, veli bianchi di protesta, campi profughi, giovani studenti, antichi villaggi, tecnologia e tolleranza. Uno stato sciita, dove le feste religiose si manifestano con un’intensità quasi sconcertante; dove le città di Qom e Mashhad fagocitano nella loro santità pellegrini e viandanti, traslandoli in un mondo parallelo; dove i canti dei muezzin si sovrappongono alle lacrime versate nel mese del Lutto; dove anche le figure delle toilette femminili sono rappresentate con l’Hijab sulla testa. Ho trascorso molto tempo in questa terra assaporando ogni suo contrasto, sentendomi a volte persiana, a volte turista, ma venendo sempre accolta dal calore dei suoi abitanti. La prima volta in cui sono stata nel Paese è stata un’esplorazione e da allora ho deciso di recarmici per addentrarmi in maniera più profonda in questa realtà».

 

Pecore e Zafferano. Memorie di viaggio in Iran, edito da Herkules Books, è già alla seconda ristampa. Un volume molto interessante di 270 pagine corredato di numerose fotografie e interviste a giornalisti persiani che hanno studiato in Europa, come Amed e Faresethe, a dialoghi fortuiti come quello a Zahra, una fedele incontrata in una moschea, e a colloqui, prenotati preventivamente da tempo, come quello all’Imam Nasser di Qom o a padre Azat, rappresentante della Chiesa Armena di Isfahan.
Erika Mattio, archeologa, antropologa, sportiva e scrittrice, che vive a Venezia, ma è piemontese di nascita con nonni napoletani, ha colto l’opportunità di studio in Turchia, Spagna, Etiopia e Iran per costruire un bagaglio di esperienze e punti di vista differenti, che le hanno consentito di sentirsi davvero cittadina del mondo.
Reperibile nelle librerie convenzionate e on line, il libro sarà presentato appena le condizioni lo permetteranno presso l’Hotel Splendid Venice di Venezia –Starhotels Collezione (San Marco, Mercerie 760) e in alcune librerie di varie città italiane.