VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow FOCUS EVENTI | La nostra selezione dal 16 al 22 aprile 2021
FOCUS EVENTI | La nostra selezione dal 16 al 22 aprile 2021
di Redazioneweb   
mercoledƬ 31 marzo 2021

Tra gli eventi della settimana selezionati dalla nostra Redazione: il ciclo di conversazioni online che anticipano la mostra su Bruce Nauman a Punta della Dogana, il secondo epidosodio del Fondaco delle Storie, il concerto inaugurale online del Festival Tanti Baci da Roma di Palazzetto Bru Zane, le performance sonore e i dj-set di M9 Forest Sounds, i concerti online del Teatro La Fenice, la lecture di Andy P. Smith per Fabrica Creative Lab, la terza lezione del corso yoga online ospitato nella Foresta M9, i laboratori per, il ciclo di tour virtuali QueriniLive

 

 

contrapposto_studies_i_through_vii_2015-2016.jpg

 

DIALOGUES
Venerdì 16 aprile

BRUCE NAUMAN ARCHIVE FOR FUTURE
Pagina Facebook e canale YouTube di Palazzo Grassi – Punta della Dogana

In attesa della mostra Bruce Nauman: Contrapposto Studies che aprirà al pubblico dal 23 maggio, Palazzo Grassi – Punta della Dogana presenta un programma settimanale di conversazioni online condotte dai curatori della mostra Carlos Basualdo e Caroline Bourgeois, insieme ad artisti e artiste, danzatori, storici dell’arte, performer, musicisti internazionali invitati a raccontare il proprio punto di vista sul lavoro di Bruce Nauman, sulla sua influenza nella propria produzione artistica e il potenziale impatto sull’arte del futuro.
Tra i partecipanti, gli artisti Philippe Parreno, Anne Imhof, Elisabetta Benassi, Nairy Baghramian e Tatiana Trouvé, i danzatori/coreografi Boris Charmatz e Lenio Kaklea, i performer Paul Maheke e Ralph Lemon, la storica dell’arte Élisabeth Lebovici, il direttore d’orchestra Teodor Currentzis.

 

 

 

 

 

fondaco_ph_giorgia-chinellato.jpg

 

STORYTELLING
Venerdì 16 aprile, ore 12
FONDACO DELLE STORIE #2
Online sulla pagina Facebook e sul profilo instagram di T Fondaco dei Tedeschi by DFS

La storia dell’antico Fondaco dei Tedeschi si svela in quattro episodi video, della durata di cinque minuti ciascuno, creati e interpretati da Mattia Berto, regista, autore e attore teatrale veneziano (appuntamenti successivi: 30 aprile e 14 maggio). Le origini del Fondaco dei Tedeschi e alcuni dei suoi misteri, simboli e segreti sono stati svelati nel primo capitolo della web serie, ma la magia non finisce qui e l’avventura all’interno dell’antico palazzo veneziano è ancora ricca di rivelazioni e meraviglia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

histoiredusoldat.jpg

 

 

CLASSICAL
Venerdì 16 aprile, ore 17.30
L’HISTOIRE DU SOLDAT
Live streaming sul canale YouTube del Teatro La Fenice

A cinquant’anni esatti dalla morte di Igor Stravinskij (1882-1971), il Teatro La Fenice offre un nuovo omaggio al grande musicista russo: dopo Le Sacre du printemps, va in scena lHistoire du soldat, ripresa dell’allestimento proposto lo scorso agosto sul palcoscenico completamente rinnovato del Teatro Malibran, con la direzione musicale di Alessandro Cappelletto e Francesco Bortolozzo nella doppia veste di attore e regista.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

stabfinger.jpg

 

PERFORMANCE

Venerdì 16 aprile, ore 21
M9 FOREST SOUNDS | STABFINGER
Pagina Facebook e canale YouTube di M9 - Museo del '900

Prosegue il ciclo di performance sonore e dj-set originali che amplificano il messaggio di rigenerazione di Foresta M9, la mostra-installazione temporanea che ha trasformato il Museo del '900 in un bosco di ben 600 essenze arboree. Nicolas Atlan è un artista poliedrico, che si distingue sia in campo musicale convenzionale che elettronico. Dalla techno alla musica classica riempie sempre la musica con il suo tocco speciale. Nato in Francia, inizia giovanissimo lo studio del pianoforte. Figlio di musicisti, da sempre cresciuto circondato da strumenti musicali, ha sperimentato qualsiasi genere e stile musicale. Trasferitosi in Italia, nei primi anni della sua vita scopre la musica techno e grazie ad alcune macchine economiche cerca di emulare questi suoni. Ha suonato nei più importanti festival italiani e internazionali. Con Enrico Wiltsch ha dato vita al progetto Lumiere. Dal 2010 ha avviato il suo progetto solista come Stabfinger.

.

 

 

 

ginaapostol.jpg

 

LECTURE
Venerdì 16 aprile, ore 17
MULTINOVEL | GINA APOSTOL
Incontro in diretta su piattaforma Zoom [registrazione richiesta]

Gina Apostol, scrittrice filippino-americana è ospite del secondo appuntamento di MULTINOVEL, Dialogues on the multilingual novel with contemporary authors, il nuovo ciclo di incontri ideato dall’Università Ca’ Foscari in collaborazione con Incroci di Civiltà. Gina Apostol dialogherà (in inglese) online con il curatore della rassegna, Alessandro Raveggi, sulle tematiche care al ciclo Multinovel, ossial’uso di più lingue nella narrazione letteraria, la relazione tra traduzione e scrittura, il ruolo dei traduttori nel contesto coloniale e postcoloniale.
Gina Apostol cresciuta nelle Filippine, vive a New York, dove scrive romanzi su rivoluzione e linguaggio, potere e traduzione, racconto e storia. I suoi lavori più recenti si sono concentrati sulla guerra filippino-americana e sugli atti di narrazione come forme di invenzione e liberazione. Il suo quarto romanzo, Insurrecto è stato considerato da Publishers' Weekly tra Ten Best Books del 2018.

 

 

 

 

 

foresta_m9_laura_lena_yoga_2.jpg

 

 

LAB
Sabato 17 aprile, ore 9.30-10.30
L’ALBERO DELLO YOGA | IL MOVIMENTO DINAMICO
Pagina Facebook e canale YouTube di M9 - Museo del '900
Grazie alla collaborazione con Laura Lena e Studio Iyengar Yoga Venezia, nel mese di aprile Foresta M9 diventa la scenografia perfetta per scoprire la pratica di una disciplina millenaria, che coltiva il corpo e i sensi, affina la mente e educa l’intelligenza per raggiungere la pace dell’anima.
La terza lezione è incentrata sul movimento dinamico, il ritmo e la concentrazione. Eseguire i movimenti dinamicamente è un modo per sviluppare l’energia; per disciplinare corpo, arti e mente e indirizzarli a funzionare in maniera armonica; per mantenere il cervello e la mente attivi, svegli e veloci; per migliorare la concentrazione e affinare la memoria.

 

 

 

 

 

 

 

card-in-out-02-1.640x01.jpg

 

FAMILY LAB
Sabato 17 aprile, ore 11, 14, 16
IN&OUT | DAL DISEGNO ALLA STAMPA 3D
Laboratorio online su piattaforma Zoom [iscrizioni*]

In & Out è un ciclo di tre incontri organizzati dalla Collezione Guggenheim e destinati ai possessori di Family Card*. Durante i workshop saranno analizzate le relazioni possibili tra interno ed esterno, dentro e fuori, chiuso e aperto, interiorità ed esteriorità, privato e pubblico per approfondire come gli artisti abbiano condotto la propria ricerca e prodotto le loro opere attorno alle diverse declinazioni di questo curioso binomio. Il primo workshop, curato da Fablab Venezia, indaga quanto la tecnologia può favorire lo sviluppo dell’intelligenza creativa. Partendo dalla propria immaginazione, bambini (età consigliata 6-10 anni) e genitori avranno modo di sperimentare la modellazione digitale e il funzionamento della stampante 3D per creare un oggetto fisico e reale.

 

 

 

 

 

 

 

 

concerto_in_fenice.jpg

 

CLASSICAL
Sabato 17 aprile, ore 17.30
IL MANDARINO MERAVIGLIOSO
Live streaming sul canale YouTube del Teatro La Fenice
Juraj ValĨuha torna sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro La Fenice a dirigere l’esecuzione del Mandarino meraviglioso di Béla Bartók, la celeberrima pantomima in un atto su libretto di Ményhért Lengyel, tra i massimi capolavori dell’espressionismo in musica. L’opera, frequentemente proposta nei cartelloni nella versione ridotta di suite per orchestra, sarà presentata in questa occasione in forma integrale. «La scelta è caduta su questo titolo – commenta Fortunato Ortombina, sovrintendente e direttore artistico della Fondazione Teatro La Fenice – non solo per il valore e la bellezza della partitura in sé, ma anche per una particolare ‘corrispondenza’ emotiva: Bartók cominciò infatti a dedicarsi alla scrittura del Mandarino nei mesi immediatamente successivi alla fine della Prima guerra mondiale; fu una sorta di ‘ripartenza’, come ci auguriamo possa essere anche questa fase che ci accingiamo a vivere dopo i mesi più difficili della pandemia».

 

 

 

 

 

sulletraccediunarosaperduta.jpg

 

BOOKS
Domenica 18 aprile, ore 18
SULLE TRACCE DI UNA ROSA PERDUTA
Pagina Facebook di Wigwam Club Giardini Storici Venezia

Prosegue la rassegna domenicale online di Wigwam Club Giardini Storici, 20 Anni in giardino/Ritroviamoci in Serra, quattro conversazioni musicate in diretta su facebook con autori di importanti libri dedicati al tema del giardino, con particolare riferimento a quello veneziano. Ospite del secondo appuntamento lo scrittore e docente Andrea di Robilant, autore del libro Sulle tracce di una rosa perduta (Corbaccio 2014) intervistato da Mariagrazia Dammicco, con letture e improvvisazioni al clarinetto di Oreste Sabadin.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

maschere-ph-giorgia-chinellato.jpgCACCIA AL TESORO
SEMI DI U-TOPI-A
Sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram del Teatro Stabile Veneto

Dopo aver tappezzato la città con le foto-manifesto al motto de "la città e il teatro non si fermano", i veneziani partecipanti allaboratorio di teatro di cittadinanza ideato dal regista Mattia Berto per il Teatro Stabile del Veneto ora lanciano una nuova sfida all’intera città invitando concittadini alla ricerca dei semi di u-topi-a. I cittadini appassionati di teatro che in questi mesi ha lavorato dal vivo al progetto U-tòpi-a-Venezia abitando e animando gli spazi del Teatro Goldoni con la speranza di poter andare presto in scena, danno il via a una vera caccia al tesoro rivolta a tutta la città. Sui social del Teatro Stabile del Veneto verranno svelati alcuni indizi per trovare nei luoghi più segreti di Venezia i “semi”, piccole tracce autobiografiche da scoprire e condividere. Un'azione pubblica che vuole raccontare ancora una volta quanto sia forte il legame tra il Teatro ed il territorio, trasformando l’intera città in un palcoscenico di utopie e in un luogo di condivisione.

“Veneziani, trovate i SEMI, fatevi una foto con essi e pubblicatela sui vostri social, ma soprattuto fateli viaggiare, il futuro è tutto da scrivere!” è l’invito che il regista Mattia Berto ha rivolto alla città.

 

 

 

 

 

brathwaite-imani_.png

 

DIALOGUES
Lunedì 19 aprile, ore 18

AFROPEAN BRIDGES | PETER BRATHWAITE & THEO IMANI WITH IGIABA SCEGO
Online sul sito hscif.org/afropean21 e on demand sul canale Youtube di HSC-Venice .

Giunto alla sua terza edizione Afropean Bridges è un workshop internazionale, o dall'International Center for the Humanities and Social Change dell’Università Ca’ Foscari Venezia, curato da Shaul Bassi, Igiaba Scego e Vittorio Longhi, e incentrato sull'identità degli europei di origine africana. Durante il terzo appuntamento del ciclo, Peter Brathwaite baritono britannico, autore della serie Black Portraiture e Theo Imani (Theophilus Marboha), visual resarcher sulla ritrattistica nera su Instagram, conversano con Igiaba Scego, co-organizzatrice di Afropean Bridges, scrittrice, giornalista e attivista. Il suo ultimo libro è La linea del colore (Bompiani, 2020).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

kai-grehn1.jpg

 

DIALOGUES
Lunedì 19 aprile, ore 18

PONTI – COMUNICARE CON VENEZIA | KAI GREHN
Streaming sul canale YouTube del Centro Tedesco di Studi Veneziani

Per il ciclo Ponti – Comunicare (con) Venezia, il regista e scrittore berlinese, Kai Grehn borsista a Venezia, conversa con Petra Shaefer del Centro Tedesco di Studi Veneziani.
Kai Grehn, nato nel 1969 a Grevesmühlen, è cresciuto a Berlino (est, dove studia regia teatrale all’Accademia di Arti Drammatiche Ernst Busch. È co-iniziatore e ospite di una serie di letture a Friedrichshagen, Bobrowskis Mühle, con la società Johannes Bobrowski. Oltre a due volumi di prosa - SCHWARZ. Reiseskizzen e FUNKEN oder: So glücklich wie wir ist kein Mensch unter der Sonne - ha pubblicato opere teatrali, traduzioni di autori come William Blake, William S. Burroughs, Nick Cave, Walt Whitman e Antoine de Saint-Exupéry e realizzato oltre 50 riproduzioni audio, per le quali ha ricevuto diversi premi.





 

ishara-art-foundation1.jpg

 

VIRTUAL TOUR
Lunedì 19 aprile, ore 18.30

VISITA CON IL CURATORE: SABIH AHMED
Incontro online su piattaforma Zoom [evento riservato ai soci Guggenheim]

Sabih Ahmed, direttore associato e curatore di Ishara Art Foundation, Dubai, guida i partecipanti alla mostra Growing like a Tree, curata da Sohrab Hura. Facendo riferimento agli ambienti interconnessi della pratica artistica contemporanea, la mostra considera la fotografia come un locus in un campo artistico ampliato che include video, libri e installazioni sonore. Nel corso degli anni i viaggi individuali e collettivi di Hura attraverso la fotografia e l'immagine in movimento hanno presentato sia una forma di radicamento che di sradicamento dei luoghi come indicatori di identità. Attraverso questa mostra, Haru traccia una rete di collaboratori passati e presenti con 14 artisti e collettivi provenienti da Bangladesh, Cambogia, Germania, India, Myanmar, Nepal, Pakistan e Singapore, cercando di espandere i confini delineati dal contesto geografico del Sud Asia.

 

 

 

 

 

 

quatuor-hermes.jpg

 

CLASSICAL
Lunedì 19 aprile, ore 21
TANTI BACI DA ROMA | QUARTETTI COMPOSTI A VILLA MEDICI
In streaming sulla Pagina Facebook e canale YouTube di Palazzetto Bru Zane
Palazzetto Bru Zane inaugura Tanti Baci da Roma, ciclo dedicato alla musica per il prix de Rome, con il concerto online del Quatuor Hermés . Una volta installati a Villa Medici, i pensionanti musicisti erano tenuti a produrre dei lavori. Questi “invii da Roma” dovevano essere conformi a precise direttive, che però subirono un’evoluzione nel corso del XIX secolo. Sebbene alcuni artisti abbiano composto quartetti per archi già negli anni Dieci dell’Ottocento (come Hérold nel 1814), tale genere diventa obbligatorio solo a partire dal 1894. Henri Rabaud (nel 1895) e Max d’Ollone (nel 1898) sono tra i primi a cimentarvisi, non senza lamentarsi: «Basta che mi chiedano un quartetto perché mi vengano idee per sinfonie, per il teatro, per l’orchestra o per cori, insomma per tutto tranne che per un quartetto», scrive Rabaud.

 

 

 

 

 

 

 

 

andy-p-smith1.jpg

 

LECTURE
Mercoledì 21 aprile, ore 15
FABRICA ABOUT FUTURE | HOW TO GET SHIT DONE
Incontro online su piattaforma Zoom
[registrazione obbligatoria ]
Per il ciclo di incontri presentati da Fabrica, lo scrittore e creativo americano Andy P. Smith conduce la lecture How To Get Shit Done. Smith sarà in diretta da New York City per condividere le 13 pratiche – consigli e trucchi del mestiere – che lo aiutano a portare a termine le cose. Sviluppati e perfezionati durante i suoi 20 anni di carriera, questi principi sono progettati per supportare gli sforzi e le aspirazioni dei creativi e ribelli, inventivi e coraggiosi. Se vuoi portare a termine le cose – completare un progetto creativo, rafforzare il tuo processo ed essere pagato per la tua arte – questa lezione è per te. Come scrittore e creativo, Andy P. Smith ha goduto di una carriera unica e variegata: ha realizzato campagne con Budweiser e Airbnb in India, gestito un locale musicale underground a Brooklyn, collaborato con la rete di Alumni di Fabrica in Italia e costruito comunità nell’ambito dell’industria tecnologica di New York.


 

 

 

 

 

forestam92.jpg

 

LECTURE

Mercoledì 21 aprile, ore 17.30
IL MIO ‘900 IN VERDE | DANIELE ZOVI
Pagina Facebook e canale YouTube di M9 - Museo del '900

Continua in versione digitale la serie di viaggi tematici dentro il Novecento già avviato con gli approfondimenti guidati nella mostra permanente del museo. In occasione della mostra Foresta M9 voci d’eccezione racconteranno alberi, foreste, boschi, comunità, ecosistemi e sostenibilità. Durante l’incontro
Daniele Zovi, scrittore e divulgatore, esperto di foreste e di animali selvatici, affronterà gli importanti temi della riforestazione, della biodiversità e del paesaggio veneto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

polline1.jpg

 

KIDS

Giovedì 22 aprile, ore 16.30
FOREST LAB – UNA FORESTA DI STORIE
Pagina Facebook e canale YouTube di M9 - Museo del '900

M9 Edu presenta una serie di letture per bambini e ragazzi che aprono riflessioni sul delicato equilibrio tra uomo e natura. Le letture sono accompagnate da attività creative che possono essere svolte in casa con materiali alla portata di tutti.
Protagonista della lettura è il libro Polline. Una storia d’amore di Davide Calì con illustrazioni di Monica Barengo (Kite Edizioni 2013), un albo illustrato dalle atmosfere sospese, una storia sulla natura dell'amore e sulla sua magia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

afropean-bridges1.jpg

 

DIALOGUES
Giovedì 22 aprile, ore 18

AFROPEAN BRIDGES | GISELLE MUSABIMANA & ALEX NKOSI
Online sul sito hscif.org/afropean21 e on demand sul canale Youtube di HSC-Venice .

Giunto alla sua terza edizione Afropean Bridges è un workshop internazionale, o dall'International Center for the Humanities and Social Change dell’Università Ca’ Foscari Venezia, curato da Shaul Bassi, Igiaba Scego e Vittorio Longhi, e incentrato sull'identità degli europei di origine africana. Durante il quarto appuntamento del ciclo, Giselle Musabimana responsabile della comunicazione per UNIAFRICA, Unione per lo sviluppo delle relazioni italiane e africane, dialoga con Alex Nkosi analista politico che per ITUC-Africa e coordinatore di Africa Trade Union Development Network.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

querini-botta1.jpg

 

VIRTUAL TOUR
Giovedì 22 aprile, ore 18
QUERINILIVE | RIDISEGNARE L’ANTICO. LA QUERINI DI MARIO BOTTA
Visite virtuali in diretta su piattaforma Zoom [iscrizione obbligatoria*]

Torna QueriniLive con un nuovo ciclo di visite guidate digitali in diretta, per scoprire la Querini Stampalia e i suoi ‘dettagli’. Ad accompagnare il visitatore tra moderne architetture e preziosi libri sarà l’occhio esperto dell’architetto Mario Gemin e di Angela Munari, archivista e bibliotecaria. Un punto di vista inconsueto, fra antico e contemporaneo, attraverso la bellezza che ci sta mancando. La prima visita condotta da Mario Gemin è dedicata all’architetto ticinese Mario Botta che dagli anni Novanta al 2013 ripensa l’articolazione degli ambienti, in cui la sede della Fondazione si è allargata. Rivisita il segno di Scarpa, riproponendone il contrasto di colori e materiali, esaltando gli elementi storici, affiorati nel corso dei lavori: la bifora, il pozzo, la colonna. Antico e moderno convivono anche qui.
*Il costo è di 3 euro per ciascun collegamento

 

 

 

 

 

 

 

-01_iscriviti_bianco_ok.jpg