VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow Musica Maestri! Palazzetto Bru Zane porta a Venezia il Prix de Rome
Musica Maestri! Palazzetto Bru Zane porta a Venezia il Prix de Rome
di Fabio Marzari   
giovedì 03 giugno 2021
Alexandre Dratwicki, giovane Direttore artistico di Palazzetto Bru Zane, ha vinto nel 2004 il Pensionnaire, prestigioso soggiorno di sei mesi a Villa Medici a Roma per motivi di studio. Risale al 1803 per opera di Napoleone l’utilizzo della magnifica residenza immersa nel verde al Pincio, sopra piazza di Spagna come nuova sede, dopo Palazzo Mancini, dell’Accademia di Francia, fondata da Luigi XIV nel 1666 per consentire ai giovani pittori francesi di studiare a Roma. Originariamente l’Accademia Reale inviava artisti a Roma per completare la loro formazione, ma poi l’Istituto di Francia e l’Accademia di Belle Arti organizzarono i Grand Prix di Roma, una speciale borsa di studio per giovani artisti meritevoli.

Si aggiunsero nuove discipline, come musica e scultura, ma soprattutto fu la scelta dei borsisti che cambiò: non più forme di nepotismo, ma scelte per merito. Nicolas Poussin fu uno dei primi consiglieri dell’Accademia, Ingres il direttore e tra gli studenti ci furono Fragonard e Boucher.

villa-mdicis-vers-1860.jpg

L'Accademia di Francia a Roma

Ancora oggi l’Accademia di Francia accoglie ogni anno, nel mese di settembre, un nuovo gruppo di borsisti, selezionato da una giuria internazionale in base a criteri d’eccellenza attraverso un concorso basato sulla presentazione di un progetto e di un dossier. La selezione è aperta ad artisti e ricercatori di tutte le nazionalità che parlino francese e di età compresa tra i 20 ed i 45 anni al momento del soggiorno a Roma. I candidati possono fare domanda in tutte le discipline e generi della creazione artistica: architettura, arti visive, composizione musicale, design e mestieri d’arte, scrittura di sceneggiature, letteratura, fotografia, scenografia, regia, coreografia, oltre che in storia e teoria dell’arte ed in restauro delle opere d’arte e dei monumenti. Fu così che molti giovani compositori francesi, compiuti gli studi accademici, hanno potuto nel tempo fruire del biennio di studio romano.

 

Una cartolina in musica da Villa Medici

A loro, ed in particolare a quelli attivi nel corso dell’Ottocento, Palazzetto Bru Zane dedica il suo festival primaverile, scherzosamente intitolato Tanti baci da Roma, caratteristico saluto da cartolina. Molti tra i vincitori del Prix du Rome sono finiti nell’oblio, altri sono divenuti importanti compositori, tra cui spiccano nel 19° secolo Hérold, Halévy, Berlioz, Gounod, Thomas, Bizet, Dubois, Massenet, Vidal, Debussy, Charpentier e, nel 1897, Max d’Ollone (1875-1959), cui il festival veneziano dedica ora un focus particolare. Palazzetto Bru Zane ospita sei appuntamenti musicali fino al 13 luglio e una mostra sul viaggio in Italia dei musicisti francesi in cui viene raccontata l’atmosfera dei loro soggiorni a Villa Medici, inclusi gli avventurosi viaggi dalla Francia a Roma di questi giovani compositori, generalmente squattrinati, attraverso illustrazioni, caricature e foto d’epoca. Il genere del quartetto, protagonista del festival, diventò obbligatorio per i residenti in Villa come forma di composizione a partire dal 1894. Max D’Ollone, vero gigante del genere, è come dicevamo protagonista e filo conduttore del Festival. Nato a Besançon da una famiglia aristocratica, allievo di Albert Lavignac, André Gédalge e Jules Massenet, vinse il Prix de Rome nel 1897 con la cantata Frédégonde. Il compositore è presente nella maggior parte dei concerti in programma che alternano pezzi per pianoforte solo, mélodies ed estratti di opera (martedì 15 giugno), o duetti per clarinetto e pianoforte (giovedì 8 luglio). A chiusura del festival il concerto del 13 luglio con Trii con pianoforte composti da Max D’Ollone, Gabriel Pierné, Lili Boulanger e Claude Debussy, mentre il concerto di presentazione del festival ha visto già protagonisti tre quartetti sconosciuti di Max d’Ollone, Henri Rabaud e Ferdinand Hérold. L’ascolto dei concerti è disponibile anche in streaming, su Bru Zane Replay .

 


Tanti baci da Roma
14 maggio-13 luglio

Palazzetto Bru Zanem Chiesa di San Giovanni Evangelista 

VeneziA

www.bru-zane.com

 

-01_iscriviti_bianco_ok.jpg