VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow Uno sguardo dal ponte. Venezia non rinuncia alla notte del Redentore
Uno sguardo dal ponte. Venezia non rinuncia alla notte del Redentore
di Fabio Marzari   
giovedì 08 luglio 2021

Fino agli ultimi giorni il Redentore 2021 ha rappresentato un dilemma che solo la Pizia del tempio di Delfi poteva sciogliere. Fuochi si fuochi no? Il clou della famosa Notte è rappresentato naturalmente dai foghi, ma è altrettanto chiaro che, malgrado la zona bianca e l’uso non più obbligatorio della mascherina all’aperto, il rischio di favorire inevitabili assembramenti e la difficoltà di controllare un’intera città impongono un atteggiamento estremamente prudente da parte delle Autorità. Dopo la pausa forzata dell'anno scorso, i fuochi nella notte più luminosa di Venezia si faranno. Rimangono però alcune limitazioni, come l'obbligo di esibire il green pass oppure di aver fatto il tampone nelle 48 ore precedenti. Le prenotazioni per le imbarcazioni andranno fatte online dando priorità ai residenti. 

clm_fuochiredentore69.jpg

La tradizione della Notte famosissima

Considerato il valore simbolico della Festa, che trova la sua ragion d’essere nella liberazione definitiva dalla terribile pestilenza del 1575-1577, forse risulterebbe quasi azzardato far esplodere il cielo con mille colori. Del doman non v’è certezza e le nuove varianti non inducono a piena serenità, tuttavia anche senza spettacolo pirotecnico, il Redentore mantiene in pieno le caratteristiche di una festa colma di suggestione, in cui la tradizione e la capacità di resistenza della città contro le avversità si estrinsecano con l’esito serenissimo, in cui religione e devozione popolare erano molto stemperate
da usanze terrene, che di spirituale avevano ben poco. Percorrere 
a piedi il lungo ponte che collega le Zattere con il Redentore è un’esperienza indimenticabile, si prova una vertigine da sopra, mentre si è a metà del guado, novelli Mosè, capaci di dividere le acque di un canale solitamente molto trafficato di imbarcazioni e mostri marini fumanti e rendere così, una volta all’anno la Giudecca un’isola raggiungibile con le proprie gambe da cui entrare e uscire a piacimento, senza la necessità dei vaporetti.

 

Festa del Redentore

17-18 luglio


Chiesa del Redentore, Canale della Giudecca, Bacino San Marco

events.veneziaunica.it