VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ARTE arrow Ritorno a casa. Tutte le Biennali del Presidente Paolo Baratta
Ritorno a casa. Tutte le Biennali del Presidente Paolo Baratta
di Fabio Marzari   
Image

Se la Biennale è tornata ad essere al centro delle arti e della cultura del Pianeta Terra lo si deve in gran parte a Paolo Baratta, dominus incontrastato della più importante istituzione culturale del Paese, di cui è stato presidente illuminato e visionario per oltre 20 anni. Nessuno meglio di Baratta ha saputo interpretare l'esigenza di aprire nuovi spazi della città alla Cultura, favorendo una crescita importante e qualitativamente significativa di Venezia, un modello vincente anche dal punto di vista economico e nettamente in contrasto con le immagini dell'overtourism pre pandemia che hanno rischiato di affossare la reputazione di Venezia nel mondo.

 

La città secondo la visione di Paolo Baratta

La Venezia di Baratta è quella in cui la cultura genera profitto migliorando sempre l'offerta, una fabbrica di innovazione e progettualità, uno strumento vivo che opera nel tessuto di una città viva, in grado di contrastare la deriva della città a misura di turista-vandalo. Il 13 luglio a Cà Giustinian rappresenta un ritorno a casa per il "Presidente" Baratta in occasione della presentazione del suo libro: Il Giardino e l'Arsenale, edito da Marsilio.

 

Il suo un racconto tra memoria culturale, cronaca personale e analisi economico-politica, in cui vengono delineate le vicende e tratteggiate le personalità che l’hanno guidata, restituendo i fermenti e le contraddizioni che l’hanno attraversata e il contesto di alcune opere e artisti che l’hanno segnata e caratterizzata. Non meno importante è l’indagine dei rapporti con la politica e dei cambiamenti istituzionali, dalle origini fino agli anni Novanta.

 

La grande riforma del 1998 infatti, che coincide con l’inizio della presidenza Baratta, trasforma la Biennale in un soggetto pubblico imprenditoriale, aprendo la strada a un’autonomia e indipendenza tanto attese dopo decenni di instabilità e incertezze. Tra intuizioni, scelte difficili, battaglie e conquiste, un percorso appassionante in cui si ricostruiscono le tappe del ridefinirsi di un’istituzione che si «riforma» dall’interno, con l’obiettivo di assicurare efficienza strutturale ed economica. Tutto ciò mantenendo nel tempo la sua vocazione: diffondere conoscenza, generare il desiderio di una nuova consapevolezza, sostenere la funzione dialettica dell’arte e della ricerca, promuovere la collaborazione e il dialogo tra i protagonisti della filiera.  

 

-01_iscriviti_bianco_ok.jpg