VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow CLASSICAL arrow In punta di dita. Gloria Campaner a Palazzetto Bru Zane
In punta di dita. Gloria Campaner a Palazzetto Bru Zane
di RedazioneWeb3   

Oltre a un’ampia produzione destinata a portare il valzer nei salotti e la quadriglia nei gran balli, i compositori romantici si sono spesso impadroniti di forme popolari o divertenti per evocare, nelle opere più intime, in particolare in quelle destinate al pianoforte, il ricordo dei secoli passati o l’esotismo di un altrove fantasticato. Valzer, bourrée, gighe o mazurke sono gli ultimi rifugi per sospendere il tempo di un mondo trasfigurato dalle rivoluzioni industriali.

Image
Saint-Saëns, Dubois, Lamothe, Ravel, Chaminade, Debussy vengono così affidati il 13 gennaio alle sapienti e talentuose mani di Gloria Campaner, pianista jesolana classe 1986 che già a 4 anni si accosta allo studio dello strumento guidata da Daniela Vidali.

 

 

Allieva di Bruno Mezzena, si diploma con lode al Conservatorio di Udine e successivamente al corso triennale di alto perfezionamento presso l’Accademia Musicale Pescarese. Il suo percorso di studi l’ha portata poi ad incontrare maestri come Jeffrey Swann, Sergio Perticaroli, Pavel Gililov, seguendo masterclasses presso il Mozarteum di Salisburgo, l’Hertford College di Oxford, il Mannes College di New York. A Palazzetto Bru Zane la vediamo in un concerto il cui repertorio è ispirato a figure ormai di casa al Centre de musique romantique française, sempre più voce di prima grandezza della programmazione musicale cittadina e nazionale.

 

Gloria Campaner
13 gennaio 2022 Palazzetto Bru Zane
bru-zane.com