VeneziaNews :venews

  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
  • Venezia News
Home arrow ZOOM arrow [NATALE 2013] Red Velvet. Classicamente, Natale
[NATALE 2013] Red Velvet. Classicamente, Natale
di Redazioneweb2   

natale-basilica.jpegTra balletto e concerti sinfonici in compagnia delle migliori bacchette del panorama musicale, il Natale del Teatro La Fenice è multiforme e corre lungo un dicembre da vivere a stretto contatto con la musica classica più coinvolgente. Il tradizionale concerto nella Basilica di San Marco è affidato anche quest’anno alla bacchetta di Stefano Montanari, mercoledì 18 e giovedì 19, caratterizzato da un percorso tra Oratori, Concerti grossi e Ouverture di Bach, Händel, Vivaldi, Scarlatti, Corelli e Sammartini con l’Orchestra e il Coro della Fenice, arricchiti dalla partecipazione del soprano Silvia Frigato e del mezzosoprano Marina De Liso.

 

In contemporanea, il Teatro La Fenice ospita dal 18 al 22 dicembre Onegin, balletto in due atti su musiche di Pëtr Il’ic Cajkovskij, per la prima volta in Italia nell’allestimento e con primi ballerini, solisti e corpo di ballo dell’Eifman Ballet di San Pietroburgo. Boris Eifman, coreografo di origine siberiana, risulta al momento tra i principali innovatori della danza russa, grazie a performance che riescono a dosare in maniera impeccabile il fascino rigoroso della tradizione e la visionarietà di riletture soggettive. Il balletto in due atti, alla prima rappresentazione in Italia, si avvale poi delle suggestive creazioni di luce del light designer Gleb Filschtinsky.

 

diegomatheuz.jpgGrande attesa per il tradizionale Concerto di Capodanno, giunto all’undicesima edizione e in programma dal 29 dicembre all’1 gennaio. A dirigerlo è ancora una volta il ventinovenne venezuelano Diego Matheuz, direttore principale della Fondazione Teatro La Fenice dal luglio 2011 contraddistintosi fino a questo momento per un’attenzione equamente suddivisa tra novità e continuità stilistica ed espressiva. Accanto a lui, il soprano Carmen Giannattasio, in passato partner sul palco di Plàcido Domingo e già ammirata al Metropolitan di New York e alla Royal Opera House di Londra, e l’americano Lawrence Brownlee, uno dei tenori più richiesti del momento sulla scena lirica internazionale, al debutto nel 2002 nel ruolo di Almaviva nel Barbiere di Siviglia di Rossini con la Virginia Opera, ruolo che ha successivamente sostenuto anche a Vienna, Milano, Madrid, Berlino, Dresda, Monaco, Amburgo, Tokyo, San Diego e Boston.

 

Prima parte del concerto esclusivamente orchestrale, con la formazione della Fenice a interpretare la Sinfonia n. 7 in la maggiore op. 92 di Ludwig van Beethoven, e seconda parte, con la partecipazione dei solisti e del coro, che risulta invece dedicata al melodramma e che si conclude, come è tradizione dei Concerti di Capodanno della Fenice, con il coro Va’ pensiero dal Nabucco e il brindisi Libiam ne’ lieti calici dalla Traviata di Giuseppe Verdi, ideale chiusura dei festeggiamenti per il bicentenario della nascita del compositore. Seconda parte del concerto dell’1 gennaio trasmessa in diretta da Rai 1, Arte, ZDF, WDR, Radio France e da varie emittenti dell’Europa dell’Est e speranzosa di replicare il successo da record registrato nel 2011, con oltre 4 milioni di persone sintonizzate su Rai Uno e uno share del 26,9% a renderlo lo spettacolo più visto di tutto il Capodanno e il programma di musica classica più seguito della proposta firmata Rai.

 

«Programmazione natalizia Teatro La Fenice»

18, 19, 29, 30, 31 dicembre, 1 gennaio Basilica di S. Marco e Teatro La Fenice

Info www.teatrolafenice.it